Saltano il posto di blocco: quattro motociclisti rischiano 5 anni di reclusione

Da sei mesi a cinque anni di reclusione, questa la pena prevista per il reato penale contestato a quattro vicentini in gita sulle strade della Vallarsa

Una delle moto pizzicate dalle video camere

Non sempre si riesce a farla franca forzando i posti di blocco.

Così è stato per quattro motociclisti del Vicentino, che il 1° maggio avevano deciso di fare una gita in moto sulle strade dlla Vallarsa. Sulla loro strada hannno incrociato i Carabinieri della locale stazione, che stavano eseguendo dei normali controlli in occasione della Festa dei Lavoratori. I Carabinieri hanno intimato “l’Alt” con la paletta ed i motociclisti, dopo qualche secondo di tentennamento, hanno aperto il gas, fuggendo. Inutile mettersi all’inseguimento dei centauri e aggiungere pericolo alla circolazione.

L'analisi di alcune videocamere di sorveglianza poste sulla strada ha permesso di arrivare, nel giro di poche settimane, ai fuggitivi. I quattro motociclisti hanno ammesso le proprie responsabilità e dovranno rispondere di un reato penale che potrebbe comportare la reclusione da sei mesi a cinque anni, oltra alla sanzione amministrativa prevista da un minimo di 84 euro ad un massimo di 335 euro oltre alla decurtazione di 10 punti dalla patente 

da Trentotoday

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, caso sospetto nel Vicentino: potrebbe essere il "paziente zero"

  • Coronavirus: sei tamponi nel Vicentino, San Bortolo sommerso dalle telefonate

  • Coronavirus, tre casi lievi in provincia

  • COVID-19, tutti negativi i tamponi nel Vicentino: 32 i contagiati in Veneto. Sesto morto in Italia

  • Coronavirus, monta la paura: Regione attiva cordone sanitario, altri 7 tamponi positivi

  • Coronavirus, tre contagi nel Vicentino: infettati in isolamento fiduciario

Torna su
VicenzaToday è in caricamento