Rosà, salvati in extremis da intossicazione da monossido

L'allarme lanciato dalla figlia ha fatto intervenire i vigili del fuoco prima della tragedia

Tragedia sfiorata, venerdì alle 12.30, a Borgo Tocchi a Rosà. La provvidenziale chiamata della figlia ha salvato i genitori e il fratello 21enne da un avvelenamento da monossido di carbonio.

La ragazza è rincasata per pranzo ma non ha ricevuto segni dai familiari e, allarmata, ha subito allertato i soccorsi. Tutti e tre sono stati accompagnati all'ospedale con sintomi di intossicazione. La causa è probabilmente il malfunzionamento della caldaia. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal 1 giugno l'obbligo di mascherina all'aperto non c'è più

  • Riapertura di asilo, materne, centri estivi e le novità per la scuola a settembre

  • Eclissi: in arrivo lo spettacolo della 'Luna delle Fragole'

  • Runner sale sulla cresta, scivola e fa un volo di un centinaio di metri: muore 37enne

  • Coronavirus, stop mascherine all'aperto: nuova ordinanza di Zaia

  • Bonus casa 110%: tutte le informazioni per ristrutturare a costo zero

Torna su
VicenzaToday è in caricamento