Cogollo, Lucia Manca: arrestato per omicidio il marito

Renzo Dekleva, marito della donna il cui cadavere è stato ritrovato ad ottobre lungo l'Astico, è stato tratto in arresto nel pomeriggio di ieri: quadro probatorio pesante ma non avrebbe fatto alcuna ammissione

La foto segnaletica di Lucia Manca

Mesi di indagini ed accertamenti. Sin dalla scomparsa della moglie, Lucia Manca, Renzo Dekleva è stato nel mirino degli inquirenti, perchè la versione delle ultime ore della donna era risultata lacunosa. Ieri l'uomo è stato fermato dai carabinieri nel tardo pomeriggio a conclusione di una lunga serie di accertamenti avviati fin dai primi momenti dopo la scomparsa della moglie.

Ha mangiato con la moglie una pizza poi l'ha uccisa quindi è uscito di casa per vedersi con l'amante e, una volta rientrato, ha preso il cadavere, lo ha nascosto e poi ha denunciato la scomparsa della moglie. E' l'ipotesi investigativa che ha portato oggi all'arresto da parte dei Carabinieri di Renzo Dekleva, 54 anni, per l'omicidio aggravato e l'occultamento del cadavere di sua moglie, Lucia Manca, bancaria 52enne di Marcon (Venezia), scomparsa il 7 luglio scorso e il cui cadavere è stato poi trovato sotto un ponte a Cogollo del Cengio nel vicentino il 6 ottobre scorso e riconosciuto, grazie al Dna, solo il 27 settembre successivo. Dekleva è stato bloccato, con un ordinanza del Gip di Venezia, mentre tornava a casa dopo una giornata di lavoro come informatore scientifico. Su di lui - secondo quanto si è appreso - grava un quadro probatorio pesante, anche se l'uomo non avrebbe fatto alcuna ammissione. Una indagine lunga e complicata quella che ha portato all'arresto di Dekleva, avviata dai Carabinieri, coordinati dalla Pm veneziano Francesca Crupi, dopo l'apertura di un fascicolo da parte del magistrato per sequestro di persona.

Una volta trovato e riconosciuto il corpo, l'inchiesta è diventata per occultamento di cadavere e quindi per omicidio quando è stata stabilita la morte violenta della donna uccisa per soffocamento. Su quei resti però erano stati trovati pochi elementi per risalire all'assassino; c'erano infatti solo gli slip della donna che il marito, peraltro, non aveva riconosciuto come quelli di Lucia. Ma probabilmente a dare un'accelerazione all'indagine è stato il ritrovamento di uno scontrino dell'autostrada A31 "dimenticato" da chi aveva occultato il cadavere sotto delle foglie, non lontano ad un cassone per i rifiuti. Un luogo, quello dove era stato nascosto il corpo di Lucia, peraltro conosciuto da Dekleva che imboccava spesso la A31 per andare in montagna, a Folgaria, proprio con la moglie. Secondo il racconto del marito, Lucia sarebbe uscita di casa il 7 luglio per andare in banca prendendo l'autobus. Ma quella mattina non l'aveva vista nessuno. Nel corso dell'indagine, le circostanze sulla scomparsa erano diventate per gli inquirenti sempre più sospette, così come il racconto sulla serata precedente alla sparizione. Si erano così susseguiti colloqui con Dekleva che, volta per volta, è caduto in contraddizione.


Poi ci sono state le perquisizione in casa, nell'auto e il sequestro del Pc. Un'attività che ha fatto anche scoprire che l'uomo si spacciava per laureato in medicina quando non aveva in realtà mai finito gli studi universitari. Quindi il ritrovamento del cadavere, lo scontrino, e una tempistica che avrebbe permesso il tragitto da Marcon a Cogollo prima della denuncia della scomparsa, suffragato da riscontri informatici e telematici che sono diventati tutti elementi di un quadro che ha permesso ai Carabinieri di incastrare Dekleva. Il movente dell'omicidio, per chiudere il cerchio, sarebbe da ricondurre all'esaurimento del rapporto con la moglie e la voglia di farsi una nuova vita.


Sentito dagli investigatori, Dekleva non avrebbe fatto alcun tipo di ammissione. Secondo le analisi condotte dal medico legale nominato dalla procura, Lucia Manca era morta per soffocamento. Il corpo della bancaria sarebbe poi stato portato nel vicentino e abbandonato, coperto di foglie, all'aperto. L'identificazione era stata resa possibile attraverso comparazioni tra un dente e pezzi d'ossa e una spazzolino appartenente alla donna scomparsa. Nel corso delle indagini, erano emerso che tra Lucia Manca e il marito c'erano forti momenti di crisi, legati anche alla presenza di un'altra donna.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grave perdita di gpl dal distributore di carburanti: pericolo esplosione

  • Rubano un'auto e si schiantano, un 14enne alla guida: denunciati due minorenni

  • Violento scontro auto-camion sulla Sp 26: muore una 52enne vicentina

  • Investita sulle strisce: 21enne in Rianimazione

  • Schianto in A4, grave un anziana: miracolati due bimbi di pochi mesi

  • Operaio trova l'amante nudo a letto, la moglie lo morde: denunciata per violenza domestica

Torna su
VicenzaToday è in caricamento