Lotta alla prostituzione: cartelli luminosi in viale San Lazzaro

Da lunedì tutte le notti dalle 23 alle 4 i pannelli a messaggio variabile Aim di viale San Lazzaro e viale Verona riporteranno la scritta: “Zona controllata, divieto di prostituzione, multa da 500 euro”

A Vicenza il contrasto alla prostituzione su strada passa anche attraverso i tabelloni luminosi. Da lunedì, infatti, tutte le notti dalle 23 alle 4 i pannelli a messaggio variabile Aim di viale San Lazzaro e viale Verona riporteranno la scritta: “ZONA CONTROLLATA DIVIETO DI PROSTITUZIONE MULTA 500 EURO”. Analogamente, il grande display a luci led di viale San Lazzaro 91 stopperà alle 24 i video pubblicitari per proporre fino alle 4 l'avviso: “IN QUESTA ZONA VENGONO EFFETTUATI CONTROLLI CONTRO L'ESERCIZIO DELLA PROSTITUZIONE 500 EURO DI MULTA AI CLIENTI E ALLE PROSTITUTE”.

CONTROLLI L'iniziativa, tra le prime in Italia, è stata presentata questa mattina dal sindaco Achille Variati e dall'assessore alla sicurezza urbana Dario Rotondi per sottolineare un cambio di passo rispetto al contrasto del fenomeno: “In attesa di una legge nazionale che ancora non arriva – ha dichiarato il sindaco – Vicenza si è ingegnata da tempo per cercare di regolamentare il fenomeno in modo da tenerlo almeno lontano dalle zone residenziali. I nostri divieti di prostituzione lungo le strade abitate, insieme ai controlli condotti dalla polizia locale e le altre forze dell'ordine, hanno dato buoni risultati in gran parte delle zone della città che in passato erano interessate dalla prostituzione su strada. Soltanto una quindicina di prostitute non si è ancora spostata da viale San Lazzaro verso la zona industriale dove non vige il divieto. Per spingerle a farlo, e soprattutto per scoraggiare i clienti a cercale dove rischiano la multa, dalla settimana prossima intensificheremo i controlli lungo quella via, non solo in divisa, ma anche in borghese”.

CLIENTI “Sono del resto soprattutto i clienti - ha aggiunto l'assessore Rotondi - i primi destinatari dei messaggi sui tabelloni che hanno lo scopo di rendere chiaro a tutti che in quella zona chi contratta una prestazione sessuale rischia la sanzione e l'identificazione. Anche i dati relativi ai verbali segnalano come la polizia locale stia puntando in maniera più decisa al contrasto del cliente: se in tutto il 2013 i verbali a questi ultimi sono stati 54, di cui 32 pagati, nel primo mese e mezzo del 2014 sono già 14, di cui solo 4 già pagati perché notificati da poco tempo”.

MULTE Quanto alle multe alle prostitute (1031 nel 2013 e 117 nel 2014), nessuna è stata pagata, ma sono state comunque utili per l'adozione di provvedimenti di rimpatrio, in particolare delle rumene. Fin qui le iniziative di contrasto, ma accanto a queste attività prosegue l'azione di informazione e di aiuto alle prostitute svolta dalle unità di strada della cooperativa Mimosa che proprio in queste sere sta distribuendo un volantino nel quale indica chiaramente dove prostitute e clienti rischiano la multa e dove no.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Siamo passati a rischio elevato, lunedì inaspriremo le regole»

  • Coronavirus, nuovo focolaio nel Vicentino: 4 i casi accertati, massiccio piano di isolamento

  • Parkour in stazione: 20enne trovato morto sul tetto di un treno

  • Covid-19 alla Laserjet, monta la polemica

  • Investe 45mila euro all’ufficio postale ma perde l’intero capitale

  • Bollo auto, chi paga e chi no: tutte le informazioni sulle esenzioni

Torna su
VicenzaToday è in caricamento