Piermario Morosini: #25 biancorosso per sempre

Il 14 aprile 2012, all'Adriatico, durante Pescara-Livorno, moriva Piermario Morosini, stroncato da un malore improvviso. Nonostante un'infanzia difficile, non aveva mai perso il suo sorriso, rimasto indelebile nella memoria dei tifosi del Vicenza, dove giocò per due stagioni e mezza. La società gli ha intitolato il Centro tecnico e ha ritirato la maglia numero 25

Piermario Morosini rimane orfano in giovane età: nel 2001, a 15 anni, perde la madre Camilla e due anni dopo, nel 2003, muore anche il padre Aldo. Nel 2004 si suicida il fratello disabile, e Morosini rimane solo con una sorella anch'ella disabile. Il 14 aprile 2012, al 31' di Pescara-Livorno della 14ª giornata di ritorno del campionato di Serie B, si accascia a terra in seguito a un'improvvisa crisi cardiaca. Portato in ospedale, il giocatore muore alle 16:45. La gara non viene portata a termine e successivamente la FIGC dispone il rinvio dell'intera giornata di tutti i campionati italiani.

La notizia ha avuto risalto in tutto il mondo: in Spagna, per esempio, all'inizio di Real Madrid-Sporting Gijón, è stato osservato un minuto di silenzio al Santiago Bernabéu, mentre il Barcellona è sceso in campo con il lutto al braccio.Il Vicenza e il Livorno hanno ritirato le maglie numero 25 a poche ore dalla scomparsa. Il Vicenza inoltre ha deciso di intitolare a lui il Centro tecnico di Isola Vicentina. In suo onore è stato istituito un memorial dal titolo La speranza... in un ricordo e gli sono state intitolate la Gradinata dello Stadio Armando Picchi di Livorno e la Curva Sud dello Stadio Atleti Azzurri d'Italia di Bergamo. Un anno esatto dopo la sua morte gli è stato intitolato il settore ospiti (curva sud) dello Stadio Adriatico di Pescara. Il 2 luglio 2012 sono stati resi pubblici i risultati definitivi dell'autopsia che confermano i primi sospetti: a causare la morte del giocatore è stata una rara malattia ereditaria, la cardiomiopatia aritmogena. Il 10 settembre seguente il sostituto procuratore Valentina D'Agostino ha aperto un'inchiesta a carico del medico sociale del Pescara, Ernesto Sabatini, quello del Livorno, Manlio Porcellini e del medico del 118 di Pescara, Vito Molfese, per il mancato uso del defibrillatore, previsto dalla procedura di pronto intervento, anche per capire se l'apparecchio salvavita avrebbe potuto aiutare il calciatore.

Carriera 

morosini_r400-2Inizia a giocare a calcio presso la Polisportiva Monterosso, squadra di quartiere di Bergamo. Cresciuto nelle giovanili dell'Atalanta, con la quale nei dieci anni di militanza riesce a vincere uno scudetto Allievi, nel 2005 passa in compartecipazione all'Udinese giocando a 19 anni la prima stagione da professionista, dividendosi tra Primavera e prima squadra, nella stagione 2005-2006, con 5 presenze in Serie A. L'allenatore Serse Cosmi lo fa esordire il 23 ottobre in Udinese-Inter. Gioca anche 3 partite in Coppa Italia e una in Coppa UEFA: l'ottavo di finale Levski Sofia-Udinese. Nella stagione 2006-2007 passa al Bologna, in Serie B, scendendo in campo in 16 occasioni.

Nel luglio 2007, riscattato dall'Udinese, passa al Vicenza, in Serie B. Con la squadra veneta conquista la salvezza contribuendo con 34 presenze e un gol. A fine annata il Vicenza ne riscatta la metà del cartellino, quindi gioca altre 32 partite. Nell'estate del 2009 l'Udinese riscatta la metà per una somma pari a circa 1,5 milioni di euro. Il 31 agosto 2009 passa in prestito alla Reggina. Il 1º febbraio 2010 passa con la formula del prestito con diritto di riscatto della compartecipazione al Padova. Il 6 febbraio debutta con i biancoscudati in Piacenza-Padova (1-0). Il 23 giugno 2010 il Padova comunica di non aver esercitato il diritto di opzione sul cartellino del giocatore. Nel gennaio 2011 passa in prestito al Vicenza. Debutta il 7 febbraio nella 25ª giornata da titolare nella partita contro il Livorno vinta per 1-0. Il 31 gennaio 2012 passa in prestito dall'Udinese al Livorno. Debutta l'11 febbraio alla 27ª giornata nella partita contro il Vicenza pareggiata per 1-1, entrando al 67' al posto di Mirko Bigazzi. Gioca la sua ultima partita il 14 aprile 2012, in Pescara-Livorno della 14ª giornata di ritorno del campionato di Serie B. Al 31' del primo tempo il giocatore amaranto sviene improvvisamente, provando poi a rialzarsi diverse volte senza riuscirci. È allora che viene dato l'allarme, ma, nonostante i tentativi dei sanitari e soccorritori di rianimarlo, il venticinquenne bergamasco non ce la fa. (FONTE)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Porta pizze esce di strada con l'auto durante il servizio a domicilio: ferita 23enne

  • Incendio ditta stoccaggio rifiuti speciali: colonna di fumo visibile a chilometri di distanza

  • Coronavirus, cresce il numero dei contagi in Veneto: 1272 casi nel Vicentino

  • Emergenza Covid: spostamenti ingiustificati, fioccano le multe in città

  • Emergenza Covid-19: 8509 positivi in Veneto, altri 57 casi a Vicenza e tre decessi

  • Coronavirus, la mappa dei contagi nel Vicentino

Torna su
VicenzaToday è in caricamento