Omicidio Yara Gambirasio: spunta il teste vicentino che da ragione a Bossetti

L'avvocato di Vicenza Agron Xhanaj, già della famiglia di Francesca Benetti, ha inviato alla procura di Bergamo una nota informativa su alcune dichiarazioni che confermerebbero la versione dell'unico accusato

Giuseppe Bossetti e la vittima, Yara Gambirasio

L'ancora di salvezza per Giuseppe Bossetti, l'unico indagato per l'assassinio della 14enne Yara Gambirasio potrebbe arrivare da Vicenza. 

TODAY: IL CASO YARA GAMBIRASIO 

 Una persona confermerebbe infatti  l'ipotesi che la morte di Yara sia legata a motivi di vendetta maturati nell'ambiente di lavoro del padre, Fulvio Gambirasio, una versione riferita ai Pm anche dallo stesso presunto killer. Lo riferisce l'avvocato di Vicenza Agron Xhanaj, legale dell'Associazione "Vite Sospese" e della famiglia di Francesca Benetti, la cinquantacinquenne scomparsa da mesi nel grossetano.

Xhanay ha reso noto di 'aver inviato ieri alla Segreteria della Dott.ssa Letizia Ruggeri - Procura della Repubblica di Bergamo - indagini difensive che conforterebbero la versione riferita dall'indagato'. "Si tratta di sommarie informazioni rilasciate da una persona del vicentino che riferisce di circostanze apprese ad una settimana di distanza dalla scomparsa di Yara - continua il legale - informazioni che coincidono con la motivazione della vendetta che l'indagato Bossetti ha fornito al Pubblico Ministero".

"La riservatezza non mi consente di rivelare altro, neppure se si tratta di un uomo o di una donna - ha aggiunto il legale - Posso solo dire che nei giorni successivi alla scomparsa di Yara questa persona era nella zona, non per motivi di lavoro, e che e' venuta a conoscenza di circostanze avvalorate anche da altre persone". L'ipotesi che il sequestro e l'omicidio di Yara Gambirasio fossero legati a questioni maturate nell'ambiente lavorativo del padre era gia' circolata subito dopo la scomparsa della ragazzina, il 26 novembre del 2010. Ma non aveva trovato riscontri nelle indagini. Nei giorni successivi alla scomparsa comunque erano stati fatti diversi sopralluoghi in cantieri della zona.

Lo stesso Bossetti, in carcere esattamente da un mese, quando ha parlato ai Pm di quell'ipotesi ha riferito voci che circolavano dopo la sparizione e dopo il ritrovamento del corpo, il 26 febbraio del 2011, nell'ambiente lavorativo del mondo dell'edilizia. "Quello che aveva da riferire la persona che si e' rivolta a me non sono voci, ma circostanze un po' piu' dettagliate - ha voluto precisare l'avvocato Xhanaj - Sono circostanze che aveva appreso dopo la scomparsa della ragazzina, ma in quel momento non aveva dato loro eccessiva importanza: quando ha letto che anche Bossetti aveva accennato all'ipotesi della vendetta, ha valutato quelle circostanze sotto un'ottica diversa e ha deciso di riferirle".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro, fatale caduta mentre sta operando su un macchinario: muore 59enne

  • Covid-19 alla Laserjet, monta la polemica

  • Tara Gabrieletto e Cristian Gallella si sono separati, l'annuncio sui social dell'ex tronista

  • Bollo auto, chi paga e chi no: tutte le informazioni sulle esenzioni

  • Covid-19, il "caso" Laserjet: "Nessun contatto da settimane con Lino"

  • Muore in circostanze misteriose, la procura dispone l'autopsia

Torna su
VicenzaToday è in caricamento