Operaio arrestato per omicidio: killer su commissione

I carabinieri di Schio hanno agito nei confronti di un cittadino straniero, il moldavo Serghei Nilov, raggiunto da un mandato di cattura internazionale

Io

Stamattina, in Via Martiri della Libertà, verso le ore 07.30, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno tratto in arresto provvisorio ai fini dell’estradizione, Serghei Nilov,  nato a Petrosavodsk (Repubblica di Moldavia) cl. 1961, residente a Schio, operaio; il prevenuto era destinatario di un Mandato di Arresto Europeo per un omicidio volontario eseguito in Germania il 3 marzo 1998.

Killer su commissione

Il Nilov avrebbe ucciso su commissione, previo pagamento della somma di 1500 marchi, un uomo di 38 anni mediante l’esplosione di tre colpi arma da fuoco (uno alla schiena e due alla testa). In considerazione della gravità del reato e della presunta pericolosità del soggetto si è deciso di monitorarne gli spostamenti e di bloccarlo all’interno della propria auto mentre stava recandosi al lavoro, evitando quindi eventuali reazioni da parte del catturando.

Arrestato ed espletate le formalità rito, è stato associato alla Casa Circondariale di Vicenza a disposizione del Presidente della Corte d’Appello di Venezia, il quale dovrà decidere se vi sono motivazioni formali ostative.

Potrebbe interessarti

  • Scutigera: quante ne avete in casa? Sono da non uccidere!

  • Cerchi di rimanere incinta? Il primo passo è l'alimentazione

  • La sabbia è difficile da eliminare: ecco tutti i trucchi per liberarsene

  • Sembra banale ma lavarsi le mani è fondamentale: ecco come farlo

I più letti della settimana

  • Scutigera: quante ne avete in casa? Sono da non uccidere!

  • Aereo si schianta sugli alberi:due feriti gravi

  • Giovane tenta il suicidio dandosi fuoco nell'auto: il gesto estremo di una 26enne

  • Schianto auto-moto: muore 43enne, grave la fidanzata

  • Furia violenta alla vista della ex: auto contro l'entrata del pub

  • Cade da un albero e batte la testa: 44enne in rianimazione

Torna su
VicenzaToday è in caricamento