Non ce l'ha fatta il "piccolo guerriero", l'areonautica l'aveva portato in ospedale a Roma

Nonostante la sua tenerissima età il neonato aveva lottato fino alla fine. La corsa disperata per salvarlo purtroppo non è servita: si è spento giovedì al Bambino Gesù dove era ricoverato

Foto d'Archivio da Pisatoday

L'avevano chiamato "il piccolo guerriero" perché, nonostante la sua tenerissima età, ha lottato fino all'ultimo contro quella grave disfunzione cardiaca con la quale era nato a fine novembre dello scorso anno. Jacopo, neonato di Asiago, ad appena due settimane di vita era stato ricoverato in terapia intensiva a Verona e poi subito portato al Bambino Gesù di Roma con un  C130J della 46ª Brigata Aerea di Pisa attrezzato per volare velocemente anche in condizioni meteorologiche particolari e portare apparecchiature specifiche oppure, come nel caso dell'infante, un'ambulanza. 

La corsa contro il tempo per salvarlo purtroppo non è servita, nonostante le terapie specifiche. I genitori Marco e Martina - come riferisce Il Giornale di Vicenza - hanno annunciato la morte del piccolo avvenuta nella serata di giovedì. La notizia ha commosso la comunità dell'Altopiano con aveva seguito la vicenda con messaggi di sostegno alla famiglia, molto conosciuta ad Asiago. Sabato pomeriggio alle 16 l'ultimo saluto a Jacopo, il "Piccolo guerriero". 

Potrebbe interessarti

  • Il dolce sollievo dell'estate: scopri le 4 top gelaterie di Vicenza

  • Drunken Duck, post shock: "Accuse pesanti"

  • Drunken Duck: ecco l'accusa

  • I colori più alla moda dell'estate del 2019

I più letti della settimana

  • Schianto auto-moto: centauro gravissimo

  • Il dolce sollievo dell'estate: scopri le 4 top gelaterie di Vicenza

  • Batte la testa contro il palo della porta: gravissimo, in Rianimazione

  • Incidente tra Tir in A4, un ferito incastrato nel camion: chilometri di coda

  • «Zonin sapeva tutto: io, rovinato negli affari e negli affetti»

  • Caldo, caldissimo... Estremamente caldo

Torna su
VicenzaToday è in caricamento