No Tav, centinania di persone in corteo: "Basta imposizioni per Vicenza"

Nell'anniversario dell'"editto di Bucarest", quando nel 2007 Prodi diede l'ok alla costruzione della nuova caserma Usa, i No dal Molin tornano in piazza con un nuovo obiettivo

Erano in centinaia, venerdì sera, i manifestanti che, nonostante la pioggia, hanno sfilato nel centro storico di Vicenza, dietro allo striscione "Basta imposizioni per Vicenza". 

L'appuntamento è di quelli tradizionali per i No dal Molin: il 16 gennaio del 2007, l'allora presidente del Consiglio, Romano Prodi, in missione a Bucarest, diede l'assenso alla costruzione della nuova base Usa al Dal Molin. Ogni anno, il movimento si ritrova in piazza per rinnovare l'opposizione all'opera militare. Quest anno, l'appuntamento ha avuto anche e soprattutto un nuovo obiettivo, dopo l'approvazione da parte del Consiglio comunale dello studio di fattibilità del Tav vicentino: "Chi pensava di trovarsi di fronte una città rassegnata e muta si è sbagliato - spiega il portavoce Marko Urukalo - In tanti abbiamo risposto e ci siamo ripresi quella democrazia e quelli spazi che volevano negarci, abbiamo dimostrato che per loro far approvare questa grande opera di proporzioni devastanti per il nostro territorio non sarà facile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attenzione anche a Vicenza: come si riconosce il virus cinese

  • Il cane defeca per strada, anziano raccoglie la cacca e la spalma in faccia a un ragazzino

  • Coronavirus, caso sospetto nel Vicentino: potrebbe essere il "paziente zero"

  • Coronavirus: sei tamponi nel Vicentino, San Bortolo sommerso dalle telefonate

  • Coronavirus, massima allerta in Veneto: «Pronti a misure drastiche»

  • Coronavirus, monta la paura: Regione attiva cordone sanitario, altri 7 tamponi positivi

Torna su
VicenzaToday è in caricamento