Neonato muore 15 giorni dopo il cesareo, l'Ulss: «Nessuna infezione»

La tragedia è avvenuta lo scorso 7 luglio al San Bortolo. Il bambino era nato all'ospedale di Santorso e poi è stato trasferito a Vicenza

Una tragedia per una coppia di Schio. Il loro bambino, nato lo scorso 22 giugno all'ospedale di Santorso con un parto cesareo, è spirato il 7 luglio al San Bortolo dove era stato trasferito. 

A darne notizia la Ulss 7 Pedemontana che spiega: «Il trasferimento, avvenuto nella notte tra il 23 giugno e il 24 giugno, era stato disposto solo per la necessità di supporto ventilatorio, mentre il cesareo era stato effettuato, a 36 settimane, per diagnosi di pre-eclampsia nella madre».

Le cause, secondo la stuttura sanitaria, sono da ricercarsi quindi in complicazioni durante il cesareo e non per l'ipotesi di una infezione: «La Direzione dell’ULSS 7 Pedemontana smentisce categoricamente la versione secondo la quale il neonato avrebbe contratto un’infezione presso l’ospedale di Santorso - spiega la direzione in una nota - Gli esami ai quali era stato sottoposto prima del trasferimento - volti a individuare eventuali infezioni erano infatti risultati tutti negativi»


 

Potrebbe interessarti

  • Spiedo, grigliata: che bontà. Scopri le migliori del vicentino

  • Cerchi di rimanere incinta? Il primo passo è l'alimentazione

  • I sintomi, la diagnosi, la terapia per riconoscere e affrontare l’intolleranza al lattosio

  • Forno a microonde: i vantaggi e rischi per la salute

I più letti della settimana

  • Superenalotto, jackpot sfiorato: tripletta di cinque

  • Dove sono gli autovelox? Te lo dice l'app del cellulare

  • Zecca, Medusa, Zanzara, Cimice, Vespa, Calabrone, Vipera: cosa fare in caso di puntura

  • Intervento miracoloso al San Bortolo: bimba di un anno salvata in extemis 

  • Truffa della "compagnia telefonica": entrano nel telefonino e le svuotano il conto corrente

  • Muore al volante e si schianta contro la farmacia

Torna su
VicenzaToday è in caricamento