Vicenza, casse in rosso e poche multe: spunta l'ipotesi autovelox

A Vicenza viene staccato un verbale ogni tre giorni per eccesso di velocità e l'incasso nel 2013 è stato di mezzo milione in meno rispetto al preventivato. L'assessore alla sicurezza corre ai ripari

Immagine di archivio

Appena un verbale ogni tre giorni per eccesso di velocità a Vicenza. Il dato può far felici molti automobilisti ma a piangere sono le casse comunali: nel 2013 sono arrivati appena due milioni e 500mila euro rispetto ai tre milioni preventivati. Colpa anche dell'introduzione dello sconto del 30% per chi paga entro 5 giorni, colpa anche della crisi, visto che aumentano gli insolventi, ma l'assessore alla Sicurezza Dario Rotondi sta pensando di correre ai ripari. 

Secondo quanto riporta Il Giornale di Vicenza, l'ipotesi che circola negli uffici è quella di installare delle postazioni fisse per rilevare e sanzionare chi corre troppo. Rotondi, infatti, sin da inizio mandato aveva annunciato che avrebbe previglegiato le operazioni di polizia giudiziaria e che avrebbe utilizzato meno personale per le attività di controllo stradale. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ora solare 2019: conto alla rovescia per il cambio dell'ora (e presto ci saranno novità)

  • Sorpreso con un trans, paga subito la multa: «Ma non ditelo a mia moglie»

  • Tamponamento tra mezzi pesanti in A4: muore camionista vicentino

  • Scomparso sul Pasubio: trovato il corpo in un dirupo

  • Precipita dalla ferrata: gravissimo 28enne

  • Si allontana dalla comitiva durante l'uscita sulla Strada delle 52 gallerie: scatta l'allarme

Torna su
VicenzaToday è in caricamento