Montegalda, rifiuti abbandonati sul torrente: la denuncia degli ecologisti

La denuncia arriva dal "Gruppo d'intervento giuridico onlus": in un torrente nei pressi del Comune sono state trovate diverse immondizie. Ecco i rifiuti abbandonati più comunemente e quanto impiegano a smaltirsi

Rifiuti abbandonati nei pressi di un torrente

Rifiuti e degrado nei pressi del torrente di Montegalda.

LA DENUNCIA. La denuncia arriva dal "Gruppo d'intervento giuridico onlus", associazione ecologista che ha raccolto alcune segnalazioni di cittadini attenti al territorio. Il gruppo ha segnalato prontamente il problema alle autorità competenti che provvederanno quanto prima a rimuoverli.

QUALI RIFIUTI. Un problema quello dei rifiuti abbandonati che tocca un po' tutta la Provincia e un po' tutta Italia. Non solo in città dunque, spesso, sono interessate zone di interesse naturalistico: dai boschi, ai fiumi ai torrenti. In genere vengono gettati rifiuti di gite e picnic ma altre volte si tratta di veri e propri rifiuti ingombranti come vecchi elettrodomestici o mobili. In alcuni casi basta un cumulo di erbe e sterpaglie, bruciati per eliminare costi e per risolvere il problema più in fretta, per provocare inquinamento.

QUANTO TEMPO IMPIEGANO A SMALTIRSI I RIFIUTI. Ecco un elenco di rifiuti e del tempo che impiegano a smaltirsi: sacchetto di plastica 100 - 1.000 anni, bottiglia di vetro fino a 4.000 anni, lattina 20 - 100 anni, rivista 4 - 12 mesi, piatti e bicchieri di plastica 100 - 1000 anni, cartone per bevande 3 mesi, sigaretta con filtro 1 anno, torsolo di mela dai 15 giorni ai 3 mesi, pannolino fino a 500 anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore dopo il lavoro: muore barista 46enne

  • La Putana, storia del dolce tipico vicentino

  • Il grande freddo,13 gennaio 1985 iniziò la nevicata del secolo

  • Schianto tra auto e furgoncino all'ora di pranzo: conducente incastrato tra le lamiere

  • Frontale tra due auto, tre feriti: gravissimo un anziano 

  • L'influenza è arrivata, tantissimi casi nel vicentino. Come prevenirla

Torna su
VicenzaToday è in caricamento