Montebello, fiaccolata di protesta sotto la villa di Zonin, "Ha mentito, va punito"

Alla manifestazione, che si terrà martedì alle 20.30, parteciperanno anche le telecamere di Ballarò. Federcontribeunti: "La magistratura deve fare in fretta"

Gianni Zonin

Ci saranno anche le troupe del programma di approfondimento giornalistico di Rai3 "Ballarò" a seguire domani sera a partire dalle 20.30 la fiaccolata di protesta davanti alla villa di Gianni Zonin a Montebello Vicentino.

"Siamo soddisfatti di questa prima attestazione di attenzione anche a livello nazionale per la nostra iniziativa - spiega il presidente di Federcontribeunti Marco Paccagnella che sta coordinando la manifestazione - torniamo dove abbiamo manifestato il 2 giugno per dire stop al processo di auto spoliazione fittizia del patrimonio da parte di Gianni Zonin, e degli altri ex amministratori di Banca Popolare di Vicenza. Se la magistratura berica non farà in fretta a chiudere le porte dei patrimoni di chi è responsabile del crack, rimarrà ben poco su cui rivalersi alle migliaia di azionisti che attualmente possono sperare solo su una azione civile per vedersi restituire indietro almeno una parte degli investimenti fatti in buona fede sulla banca vicentina".

La location scelta ha un alto valore simbolico: la villa di Montebello infatti è stata ceduta da Gianni Zonin ai figli nel mese di febbraio di quest'anno alla vigilia dell'azzeramento dei valori delle azioni di BPVI. Secondo Federcontribuenti tale mossa immobiliare serve a cercare di sottrarre quanto più patrimonio possibile ad eventuali future azioni di responsabilità nei confronti dell'ex presidente. Federcontribuenti già lo scorso 2 giugno con una analoga manifestazione ha chiesto alla magistratura che i beni di Zonin, presenti e passati, quote azionarie comprese, siano sottoposti a sequestro conservativo.

"Gianni Zonin e i suoi esecutori ad ogni livello hanno mentito sapendo di mentire ad azionisti e correntisti - spiega Paccagnella - ora devono trarre le conseguenze dalle proprie azioni". Assieme ad un nutrito gruppo di azionisti della BPVI saranno presenti delegazioni di azionisti di Veneto Banca e Crediveneto, Bcc dei territori della bassa padovana e veronese, che ha subito una sorte ancor più tragica di quelle a cui stanno andando in contro Banca popolare di Vicenza e Veneto Banca. "Siamo convinti che il Governo possa fare di più e meglio per tutelare i risparmi dei veneti che in questo momento rischiano di aver perso tutto - sottolinea Paccagnella - altrimenti rischiamo di vedere allungare la scia di persone che in preda alla disperazione compiono gesti estremi. Per il momento verso di sè, ma non escludo che l'esasperazione possa portare ad una pericolosa escalation".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Previsioni meteo per la settimana, arriva l'inverno: temperature sotto zero

  • Camilla non ce l'ha fatta, dopo dieci giorni di agonia la 19enne è morta

  • Vicenza misteriosa: le fiabe sui luoghi segreti

  • Malore fatale sul posto di lavoro: giovane papà di due bambini perde la vita

  • Terribile schianto fra tre auto: due conducenti feriti

  • Frontale alle prime luci dell'alba: auto impatta contro una recinzione e finisce nel fosso

Torna su
VicenzaToday è in caricamento