Arzignano, sfiorata strage: famiglia intossicata dal monossido

Padre, madre e due figli salvati in extremis dopo essere riusciti ad avvertire un vicino. Sul posto vigili del fuoco e suem. Le esalazioni forse dovute ad una caldaia malfunzionante

Un'intera famiglia intossicata dal monossido di carbonio e salvata in extremis dall'allarme lanciato da un vicino. È quanto successo ad Arzignano, in via Don Basilio De Rosso 14, dove vivono M.S., 46 anni, e Z.S., 40 anni, padre e madre di un ragazzo di 14 anni e di una bambina di 10 anni. I componenti della famiglia, originari dell'Europa dell'Est, hanno respirato le esalazioni presenti, secondo le misurazioni, in forte concentrazione nell'alloggio, e provenienti, secondo i primi accertamenti dei Vigili del Fuoco del distaccamento locale, da una caldaia a metano, probabilmente malfunzionante.

Poco prima delle 8.30 la famiglia è riuscita ad avvertire un vicino di casa, il quale ha lanciato l'allarme. Sul posto sono accorsi i pompieri di Arzignano e un'ambulanza del Suem, la quale ha trasportato gli intossicati all'ospedale cittadino. Mamma, papà e figli sono fuori pericolo, ma dovranno probabilmente sottoporsi alle cure in camera iperbarica.

Leggi anche FAMIGLIA INTOSSICATA IN EXTREMIS

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grave perdita di gpl dal distributore di carburanti: pericolo esplosione

  • Rubano un'auto e si schiantano, un 14enne alla guida: denunciati due minorenni

  • Violento scontro auto-camion sulla Sp 26: muore una 52enne vicentina

  • Investita sulle strisce: 21enne in Rianimazione

  • Schianto in A4, grave un anziana: miracolati due bimbi di pochi mesi

  • Operaio trova l'amante nudo a letto, la moglie lo morde: denunciata per violenza domestica

Torna su
VicenzaToday è in caricamento