Marola: bracconierie abbatte prezioso esemplare: previsto arresto e maximulta

Approfittando della giornata di silenzio venatorio e della festa dell'Epifania, P.M., queste le sue iniziali, decideva di esercitare la caccia abbattendo lungo l'argine un pregiato esemplare di tarabuso ma è stato subito pizzicato

Il tarabuso

Le feste di Natale non hanno interrotto l'intensa attività di controllo del territorio da parte degli agenti della Polizia Provinciale del distaccamento di Vicenza. Anzi, l'hanno in qualche modo intensificata. In modo particolare, riguardo alla vigilanza venatoria e con particolare attenzione all'attività antibracconaggio.

E' accaduto allora che nel giorno della Befana un uomo sia stato sorpreso lungo il fiume Tesina, nelle campagne di Marola di Torri di Quartesolo, in flagranza di reato. Approfittando, infatti, della giornata di silenzio venatorio e della festa dell'Epifania, P.M., queste le sue iniziali, decideva di esercitare la caccia abbattendo lungo l'argine un pregiato esemplare di tarabuso. Immediata la denuncia all'Autorità Giudiziaria per gravi violazioni alla legge sull'attività venatoria per aver esercitato la caccia in giorno di silenzio venatorio; per questo è previsto l'arresto fino a tre mesi o l'ammenda fino a 516,00 euro e per aver abbattuto e detenuto un esemplare di tarabuso (Botaurus stellaris), uccello particolarmente protetto elencato all'art. 2 della Legge 157/92; al riguardo è previsto l'arresto da due a otto mesi o l'ammenda da 774,00 a 2.065,00 euro. Il fucile da caccia e l'esemplare morto sono stati sequestrati e messi a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Riguardo all'animale, il Tarabuso (botaurus stellaris) è un uccello appartenente alla famiglia degli Ardeidi. Il suo peso è di media di circa 1,2 kg e può raggiungere un'apertura alare superiore al metro. Il becco è lungo circa 7 cm e la coda ha una lunghezza di 11 cm. Ha un piumaggio bruno screziato di nero. Particolarità: fa un verso simile al muggito, che lo rende riconoscibile anche a distanza. Vive negli acquitrini, nei canneti, nei pantani e nelle risaie. Nelle nostre zone è una presenza rara e frequenta comunemente gli alvei dei fiumi per sfuggire agli inverni rigidi del nord Europa. E' un'abile cacciatore di topi e come arma da difesa usa il mimetismo del suo piumaggio, mantenendo la più assoluta immobilità nell'immediatezza del pericolo. Insomma, una specie molto caratteristica e di grande importanza, il cui nemico principale resta sempre l'avida ignoranza di qualche individuo, indegno di essere definito cacciatore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Porta pizze esce di strada con l'auto durante il servizio a domicilio: ferita 23enne

  • Coronavirus, cresce il numero dei contagi in Veneto: 1272 casi nel Vicentino

  • Coranavirus, colpiti padre e figlia: entrambi perdono la vita

  • Coronavirus, 34 morti in 24 ore ma diminuiscono i ricoveri

  • Coronavirus, non si fermano i contagi e i decessi in Veneto

  • Emergenza Covid-19: 8509 positivi in Veneto, altri 57 casi a Vicenza e tre decessi

Torna su
VicenzaToday è in caricamento