Malore improvviso: addio al fotografo Pierluca Grotto

Malo piange l'improvvisa scomparsa del suo concittadino, molto conosciuto e ammirato in paese. Decine i messaggi di cordoglio sui social

Una foto di Grotto dal suo profilo facebook

Era molto amato a Malo per la sua professionalità ma sopratutto per la sua grande sensibilità. Pierluca Grotto, fotografo maladense - autore tra l'altro del volume  “I Colli Berici – Itinerari escursionistici” - si è spento improvvisamente sabato pomeriggio nella sua abitazione dove viveva con l'anziana madre. 

In paese tutti lo conoscevano sia per i suoi scatti, fatti anche con il suo drone, che che per la sua bontà e umiltà. Moltissimi i messaggi di addio apparsi sul suo profilo Facebook nelle ultime ore. "Sarà triste non incontrati più nei luoghi ed eventi più vari"; "Ciao amico caro, maestro di fotografia e compagno di avventure, mi mancherai", recitano alcuni dei post accompagnate dalle splendide fotografie del fotografo, molto conosciuto anche sull’Altopiano di Asiago che frequentava da anni sia per fotografare l’ambiente naturale che per gli eventi storici e culturali del territorio. 

Pierluca è stato soccorso subito dai vicini e poi dal Suem, ma i tentativi di rianimazione sono stati purtroppo inutili.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Sport

    E avanti col punticino

  • Sport

    Ravenna - LR Vicenza: le pagelle di Alberto Belloni

  • Cronaca

    Trovato nel Bacchiglione in fin di vita

  • Politica

    Pfas, la Regione querela Alberto Peruffo. I comitati: «Negazionisti»

I più letti della settimana

  • Auto nel fossato, rischia di annegare: gravissimo

  • Uccise il pitbull annegandolo con pietra al collo: sei mesi di carcere

  • Cadaveri profanati per rubare i metalli delle bare: orrore in un capannone

  • Trovato nel Bacchiglione in fin di vita

  • Brucia il Centro Benessere: danni ingenti alla struttura

  • La morte dell'acqua: Non solo Miteni, trovato Pfas di "nuova generazione"

Torna su
VicenzaToday è in caricamento