Malo, gattino legato e lasciato morire: caccia al torturatore

La macabra scoperta in un fossato in via Morosini a Malo. Indagini da parte della polizia locale

Foto FB

Potrebbe finire in carcere per oltre due anni e mezzo il responsabile della morte del gattino trovato nei giorni scorsi in un fossato in via Morosini a Malo.

Il cucciolo, di 4 o 5 mesi, aveva le zampine legate con delle fascette elettriche e ha trovato la morte dopo una lenta quanto orribile agonia. Sul fatto sta indagando la polizia locale, mentre l'Enpa lancia un appello affinché si risalga all'autore del gesto criminale: le segnalazioni possono essere effettuate al 349 1535722 Enpa Thiene Schio, anche via sms o whatsapp, o via mail thiene@enpa.org

Il maltrattamento di animali,  è previsto dall'art. 544-ter del codice penale ai sensi del quale:

"1. Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona una lesione ad un animale ovvero lo sottopone a sevizie o a comportamenti o fatiche o a lavori insopportabili per le sue caratteristiche etologiche è punito con la reclusione da 3 mesi a 18 mesi o con la multa da 5 000 euro a 30 000 euro. 2. La stessa pena si applica a chiunque somministra agli animali sostanze stupefacenti o vietate ovvero li sottopone a trattamenti che procurano un danno alla salute degli stessi. 3. La pena è aumentata della metà se dai fatti cui al primo comma deriva la morte dell'animale".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esplode ordigno bellico: un ferito grave

  • Vittorio Brumotti aggredito in Campo Marzo: preso a sassate durante le riprese

  • Trovata morta in casa, Fabiola stroncata da un'intossicazione acuta

  • Strage di Kitzbühel, tra le vittime il portiere Florian Janny: mondo dell'hockey sotto shock

  • "Ciao Antonio", il liceo Fogazzaro piange l'amato prof. Busolo Cerin

  • Malore andando a funghi: muore a 57 anni

Torna su
VicenzaToday è in caricamento