Lupi e orsi: via libera ai recinti antipredatori

Attivato il progetto per difendere greggi e mandrie delle malghe di montagna dal possibile assalto dei predatori. La prima recinzione già montata ad Asiago

I volontari del Club Alpino Italiano daranno un mano a difendere greggi e mandrie delle malghe di montagna dal possibile assalto di lupi e orsi. Lo prevede l’integrazione al protocollo tra Regione del Veneto e CAI per la prevenzione e la sicurezza in ambiente montana, sottoscritta in questi giorni a palazzo Balbi.

“Nell’ambito del consolidato e proficuo rapporto di collaborazione avviato da anni tra amministrazione regionale e CAI – spiegano gli assessori al Turismo e all’Agricoltura – abbiamo integrato il protocollo d’Intesa definito cinque anni fa, ampliando gli ambiti di intervento per la prevenzione e la sicurezza in ambiente montano. Così ora i volontari del  CAI del Veneto, oltre ad occuparsi di rifugi alpini, bivacchi e sentieri, di promozione e comunicazione culturale, di organizzazione dell’offerta turistica e di educazione al corretto approccio alla montagna, daranno un supporto operativo alle attività degli operatori incaricati dall’amministrazione regionale per la distribuzione, installazione e manutenzione dei recinti elettrificati e dei presidi anti-predazione da parte dei grandi carnivori, in particolare lupo e orso. Tale supporto, che  persegue il fine comune di potenziare lo sviluppo dell’ambiente montano, sarà svolto  nelle aree interessate dalla presenza del lupo, ovvero dell’orso, sotto lo stretto coordinamento  degli incaricati regionali”.

Già  52 volontari del CAI Veneto (che conta 52 mila soci) hanno dato la loro disponibilità e sono all’opera: la prima recinzione elettrificata è già stata montata sull’Altopiano a Malga Portule (foto), con il supporto del comune di Asiago, degli agenti di zona della Polizia provinciale di Vicenza e di un incaricato della Regione Veneto per la supervisione del recinto. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Mentre prosegue l’impegno della Regione verso un piano di gestione del lupo, pur senza travalicare il quadro normativo imposto della normativa comunitaria e nazionale – specifica l’assessore all’Agricoltura – nel contempo non si interrompe il lavoro di prevenzione e di riduzione del danno impostato grazie ai fondi del progetto Life Wolfalps, in collaborazione con gli allevatori e le comunità locali. La collaborazione offerta dai soci CAI è fondamentale e preziosa per coniugare buona conoscenza dell’ambiente, rispetto della montagna e dell’equilibrio biologico, protezione e sicurezza dell’uomo e del bestiame. Ricordo che ad oggi la Regione ha consegnato e installato 31 recinti nell’altopiano di Asiago, almeno 20 in Lessinia e 32 nel Bellunese, tra Cansiglio, Alpago, Valbelluna e Grappa, di cui 19 per ovi-caprini e 13 per bovini. Inoltre la Regione ha liquidato agli allevatori oltre 40 mila euro di indennizzi per i capi predati dal lupo. Il lavoro dei volontari del CAI sarà prezioso in particolare per la manutenzione dei recinti già installati e per il  loro adeguamento alle esigenze dell’alpeggio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Siamo passati a rischio elevato, lunedì inaspriremo le regole»

  • Coronavirus, nuovo focolaio nel Vicentino: 4 i casi accertati, massiccio piano di isolamento

  • Nuovi focolai in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Le vacanze si trasformano in tragedia, mamma 44enne muore mentre fa snorkeling

  • Parkour in stazione: 20enne trovato morto sul tetto di un treno

  • Covid-19 alla Laserjet, monta la polemica

Torna su
VicenzaToday è in caricamento