Ludwig e il massacro di Monte Berico: anche Wolfang Abel è libero

Da anni tiene un comportamento corretto e ha uno stile di vita regolare, il giudice di sorveglianza di Verona ha ora deciso anche la revoca dell'obbligo di firma a Wolfang Abel, che, con Davide Furlan terrorizzò con la sigla Ludwig

L'arresto di Wolfang Abel (fonte: Ansa)

Wolfang Abel, l'uomo condannato a 27 anni di carcere assieme Marco Furlan per la catena di delitti rivendicati tra il 1997 e il 1984 dalla sigla neonazista "Ludwig", compiuti tra il Veneto, Milano e Monaco di Baviera, da venerdì è un uomo libero.

Nel 1980 uccise a colpi di martello ed ascia la prostituta Alice Maria Beretta. Il 20 luglio del 1982, si macchiò di un duplice omicidio compiuto a Monte Berico dove massacrò a colpi di martello padre Gabriele Pigato e padre Giuseppe Lovato. 

Dopo i 23 anni di carcere (era uscito nel 2009), il periodo agli arresti domiciliari, ed infine la libertà vigilata per la presunta "pericolosità sociale". Wolfgang Abel si era rifugiato in Valpolicella dove lavorava come vendemmiatore. Il giudice di sorveglianza di Verona, forte del fatto che "Ludwig" da anni tiene un comportamento corretto e ha uno stile di vita regolare, ha ora deciso la revoca dell'obbligo di firma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attenzione anche a Vicenza: come si riconosce il virus cinese

  • Papà di due bimbi muore all'età di 42 anni, dolore e rabbia sui social: "Ciao Japo"

  • Bollo auto, le novità del 2020: a chi spettano gli sconti

  • Giocatore colto da malore in campo: trasportato d'urgenza al San Bortolo, è grave

  • Soldi smarriti per strada: individuata la proprietaria

  • Esce dal carraio e si schianta contro un'auto: feriti entrambi i conducenti

Torna su
VicenzaToday è in caricamento