Lucky Flats: sequestrati 320mila euro tra conti e appartamenti a luci rosse

L'operazione della GDF fa seguito agli arresti dei carabinieri nel marzo scorso

Nei giorni scorsi i militari della Guardia di Finanza della Compagnia di Bassano del Grappa hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dal GIP del Tribunale di Vicenza, in relazione ad indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Vicenza nell’ambito dell’operazione denominata Lucky Flats. Il sequestro ha consentito di cautelare beni del valore di 320mila euro e ha riguardato conti correnti bancari ed immobili riconducibili a F.C. 48enne di Bassano del Grappa e M.M. 52enne di Riese Pio X nel Trevigiano, coinvolti nella gestione di fatto di una società a responsabilità limitata e di tre ditte individuali.

L'operazione dei carabinieri di Bassano: agenzia immobiliare per prostitute e trans

Il provvedimento reale si colloca nell’ambito dell’operazione di polizia economico-finanziaria Lucky Flats che, già nel mese di marzo, era sfociata nell’esecuzione di ordinanze di custodia cautelare personale in carcere, successivamente arresti domiciliari, nei confronti dei predetti indagati per l’ipotesi di reato di emissione di fatture per operazioni inesistenti. La successiva attività di polizia economico-finanziaria svolta Compagnia di Bassano del Grappa ha consentito di rilevare il profitto del reato conseguito da F.C. ed M.M. quali reali amministratori di quattro imprese cartiere, prive di qualsivoglia capacità operativa, dedite all’emissione sistematica di fatture per operazioni inesistenti.

L’attuale fase dell’operazione ha permesso di sottoporre a sequestro saldi attivi di rapporti bancari formalmente riconducibili alle imprese cartiere, 31.850 euro già rinvenuti in contanti presso l’abitazione di M.M. e già, nell’immediatezza, oggetto di sequestro preventivo, nonché la quota parte di un’immobile intestato a quest’ultimo. Inoltre, sono stati posti sotto sequestro due appartamenti, formalmente intestati ad una società di persone il cui liquidatore è uno dei prestanome titolari delle imprese cartiere, ma in realtà nella disponibilità di F.C., che si ritiene utilizzasse la predetta società quale schermo formale.

L’operazione delle Fiamme Gialle si è sviluppata secondo il dispositivo operativo del Corpo nell’ambito del contrasto all’evasione, all’elusione e alle frodi fiscali facendo leva sulle peculiari funzioni di polizia economico-finanziaria ed è stata condotta trasversalmente tanto sotto il profilo amministrativo-tributario quanto quello penale con il conseguente sequestro preventivo del patrimonio finalizzato alla confisca, che è obbligatoria nel caso in cui il procedimento penale si concluda con la condanna degli indagati.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grave perdita di gpl dal distributore di carburanti: pericolo esplosione

  • Rubano un'auto e si schiantano, un 14enne alla guida: denunciati due minorenni

  • Violento scontro auto-camion sulla Sp 26: muore una 52enne vicentina

  • Investita sulle strisce: 21enne in Rianimazione

  • Schianto in A4, grave un anziana: miracolati due bimbi di pochi mesi

  • Operaio trova l'amante nudo a letto, la moglie lo morde: denunciata per violenza domestica

Torna su
VicenzaToday è in caricamento