Lonigo, aveva tentato di uccidere il compagno: evasa arrestata in stazione

La donna é fuggita domenica da una comunità dove si trovava ai domiciliari. Era diretta a Firenze

Si trovava agli arresti domiciliari dal 14 febbraio, presso una comunità terapeutica di Lonigo su disposizione del tribunale di Pistoia, da dove domenica è evasa.

S.P., trentenne fiorentina residente a Pistoia, era stata condannata per tentato omicidio nei confronti del compagno 48enne. A seguito di una lite, avvenuta il 5 maggio 2016, la donna ha preso un coltello e ha colpito con fendenti l’uomo al torace, al fianco e alla gola, sfiorando la carotide. Messa in libertà vigilata, tre mesi dopo la giovane violava di nuovo le disposizioni, aggredendo di nuovo il compagno con percosse, morsi e un'arma da taglio. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Domenica, dopo l'evasione, la trentenne è stata rintracciata dai carabinieri presso la stazione ferroviaria di Lonigo mentre cercava di ritornare in Toscana. L’arrestata è stata trattenuta presso le camere di sicurezza della stazione dell'Arma di Vicenza e lunedì è arrivata la condanna per direttissima. Il tribunale ha disposto per lei una pena di otto mesi di reclusione con la sospensione e il provvedimento ai domiciliari nuovamente presso la stessa comunità terapeutica.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Porta pizze esce di strada con l'auto durante il servizio a domicilio: ferita 23enne

  • Coranavirus, colpiti padre e figlia: entrambi perdono la vita

  • Coronavirus, non si fermano i contagi e i decessi in Veneto

  • Coronavirus, 34 morti in 24 ore ma diminuiscono i ricoveri

  • Emergenza Covid-19: 8509 positivi in Veneto, altri 57 casi a Vicenza e tre decessi

  • Frontale tra due auto: grave un 65enne

Torna su
VicenzaToday è in caricamento