Lonigo, arrestato per violenze su convivente e carabinieri

Un insospettabile ingegnere egiziano ha percosso la compagna italiana e aggredito i carabinieri di Lonigo. Dopo l'arresto M.G. è andato in escandescenze ed è stato condotto all'ospedale di Montecchio. A causare la sua rabbia è stata forse l'assunzione di droghe, trovate nel suo appartamento

Immagine di archivio

Un ingegnere egiziano di 28 anni, residente a Lonigo, M.G., è stato arrestato sabato scorso dai carabinieri dopo aver picchiato la propria compagna italiana di 45 anni. A scatenare la rabbia di M.G., amministratore delegato di un importante azienda nel Basso Vicentino, è stata probabilmente l'assunzione di sostanze stupefacenti: nel suo appartamento sono stati ritrovati infatti 8 grammi di marijuana e una dose di cocaina, motivo per cui il giovane nordafricano è stato denunciato anche per detenzione di droga ai fini di spaccio.

Dopo l'arrivo dei militari, chiamati dalla convivente, M.G. si è scagliato contro di loro ed è scattato l'arresto per violenza, minacce e resistenza a pubblico ufficiale. Una volta arrivato in caserma per la foto-segnalazione, l'ingegnere si è ferito da solo e ha tentato di aggredire i carabinieri, che hanno dovuto chiamare l'ambulanza dell'ospedale di Montecchio, dove è stato sottoposto al TSO (trattamento sanitario obbligatorio). A distanza di 48 ore M.G. è ancora ricoverato nel nosocomio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rubano un'auto e si schiantano, un 14enne alla guida: denunciati due minorenni

  • Violento scontro auto-camion sulla Sp 26: muore una 52enne vicentina

  • Investita sulle strisce: 21enne in Rianimazione

  • Cade dalla finestra: gravissima una donna

  • Operaio trova l'amante nudo a letto, la moglie lo morde: denunciata per violenza domestica

  • Vicenza ha i migliori bar: 3 premiati dal Gambero Rosso

Torna su
VicenzaToday è in caricamento