Longare, fermato con l'auto sequestrata: maxi multa

Protagonista della vicenza un 58enne di origine iraniana e residente nel Viterbese. L'aver rimosso i sigilli gli costerà oltre quasi 4mila euro

I Carabinieri della Stazione di Longare, nella giornata del 20 agosto 2018, a seguito di un controllo alla circolazione stradale, hanno denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Vicenza per sottrazione di cose sottoposte a sequestro e violazione di sigilli, M.K.N. 58enne di nazionalità iraniana, residente a Ischia di Castro, in provincia di Viterbo. 

I militari dell’Arma, nel corso degli accertamenti svolti, appuravano che l’autovettura Renault Scenic condotta al momento del controllo dall’uomo, era stata sottoposta nel luglio del 2017 a sequestro amministrativo per violazioni al Codice della Strada da parte della Polizia Locale di Venezia, che poi ne affidava la custodia con l’apposizione dei prescritti sigilli all’indagato.

Lo stesso, noncurante degli obblighi derivati e senza richiederne l’autorizzazione utilizzava il veicolo che, per tale motivo, veniva nuovamente sottoposto a sequestro ed affidato ad una depositeria autorizzata. L’uomo, inoltre, veniva sanzionato per le corrispondenti violazioni al Codice della Strada per un totale di 3883 euro.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    «Entrato in ospedale in piedi, uscito semi-paralizzato»

  • Cronaca

    Omicidio Pretto: «Una palude preoccupante»

  • Cronaca

    Pedemontana: blitz della Forestale in Vallugana

  • Cronaca

    Nuova tragedia sul "ponte dei suicidi"

I più letti della settimana

  • Auto piomba nella pasticceria, tragedia sfiorata

  • Malore fatale alla guida: muore un 50enne

  • Adottato da una coppia vicentina il neonato abbandonato a Rosolina

  • Ultraleggero precipita e si schianta contro una casa, due morti

  • Roby Baggio in tribunale contro gli animalisti

  • Maltempo: cantine e strade allagate nel Vicentino

Torna su
VicenzaToday è in caricamento