Longare: esplosione al bancomat Unicredit di Costozza, bottino da 50 mila euro

Colpo, poco prima dell'alba di lunedì, allo sportello bancomat Unicredit di via Chiesanuova 3 a Costozza di Longare. Ingenti i danni all'edificio. Sul posto, oltre alla Civis, si sono recati i carabinieri per le indagini. Maggiori dettagli in seguito

L'immagine dello sportello inviata da un lettore

Colpo, poco prima dell'alba di lunedì, allo sportello bancomat della filiale Unicredit di via Chiesanuova 3, a Longare, nella frazione di Costozza. L'esplosione ha provocato ingenti danni all'edificio ed ha svegliato i residenti della zona. Sul posto si è recata la Civis e i carabinieri, che hanno preso in carico le indagini. Ancora ignota l'entità del bottino. Maggiori dettagli in seguito.

Ore 16

Secondo una prima ricostruzione, la banda che ha colpito sarebbe composta da 7-8 elementi entrati in azione attorno alle tre.  E' stato un colpo fulminio, i malviventi hanno utilizzato un furgone come ariete per sfondare la vetrine e "strappare" dal cemento il bancomat. Il bottino sarebbe di circa 50 mila euro. Sono ingenti, anche, i danni alla struttura: tra i 20 e 30 mila euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Siamo passati a rischio elevato, lunedì inaspriremo le regole»

  • Coronavirus, nuovo focolaio nel Vicentino: 4 i casi accertati, massiccio piano di isolamento

  • Parkour in stazione: 20enne trovato morto sul tetto di un treno

  • Covid-19 alla Laserjet, monta la polemica

  • Bollo auto, chi paga e chi no: tutte le informazioni sulle esenzioni

  • Investe 45mila euro all’ufficio postale ma perde l’intero capitale

Torna su
VicenzaToday è in caricamento