«Zonin sapeva tutto: io, rovinato negli affari e negli affetti»

Sono pesantissime le accuse lanciate dall'imprenditore Dario Loison, ascoltato oggi, giovedì, nell'aula bunker di Mestre nel processo sul crac Popolare di Vicenza

Dario Loison

«Il presidente Zonin sapeva tutto delle baciate, non può venire qua a proclamarsi innocente»

Sono molto pesanti le parole di Dario Loison, titolare dell'omonima presitgiosa impresa dolciaria con sede a Costabissara. La sua azienda, e quindi anche la sua famiglia, sono tra le principali vittime del crac della Banca Popolare di Vicenza: in fumo sarebbero andati decine di milioni di euro. 

Intervistato dal TG3 Veneto, a margine dell'udienza del maxi processo che si è tenuta giovedì mattina nell'aula bunker di Mestre, Loison ha ribadito quanto siano state pesanti le ripercussioni della condotta del consiglio di amministrazione sulla sua vita, sia economomica sia privata. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alla domanda sul perchè certe situazioni non fossero state messe in chiaro prima, all'Assemblea dei Soci, Loison ammette:  «Siamo stati ingenui: fuori dal Veneto ci prendono in giro». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro, fatale caduta mentre sta operando su un macchinario: muore 59enne

  • Covid-19 alla Laserjet, monta la polemica

  • Tara Gabrieletto e Cristian Gallella si sono separati, l'annuncio sui social dell'ex tronista

  • Bollo auto, chi paga e chi no: tutte le informazioni sulle esenzioni

  • Covid-19, il "caso" Laserjet: "Nessun contatto da settimane con Lino"

  • Muore in circostanze misteriose, la procura dispone l'autopsia

Torna su
VicenzaToday è in caricamento