Le unioni civili arrivano alla Camera, Arcigay Vicenza: "Italia ancora indietro"

Lunedì la discussione sulle unioni civili torna in Parlamento. Mattia Stella: "Ci appelliamo al buonsenso dei deputati vicentini affinché il dibattito avvenga all’insegna del rispetto"

Immagine d'archivio

Lunedì 9 maggio riprende l’iter della legge sulle Unioni civili con l’avvio della discussione alla Camera. La discussione avrà inizio nella seduta pomeridiana delle 15:30, per poi proseguire nei giorni successivi. Il voto finale è atteso tra giovedì e venerdì.

“E’ importante che il testo venga approvato rapidamente” - Lo dichiara Mattia Stella, presidente di Arcigay Vicenza - ”L’Italia è l’unico Paese nell’Europa occidentale a non avere ancora approvato una legge a tutela delle coppie formate da persone dello stesso sesso. Va data la possibilità a 5milioni di Italiani di mettere in sicurezza le proprie famiglie e i propri affetti.”

“Ci appelliamo al buonsenso dei deputati vicentini affinché il dibattito avvenga all’insegna del rispetto, nella speranza di non dovere assistere ad interventi in aula lesivi della dignità delle persone omosessuali, ricordando che le parole utilizzate entreranno nella case degli Italiani e che il voto finale verrà seguito dai media di tutto il mondo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attenzione anche a Vicenza: come si riconosce il virus cinese

  • Il cane defeca per strada, anziano raccoglie la cacca e la spalma in faccia a un ragazzino

  • Coronavirus, caso sospetto nel Vicentino: potrebbe essere il "paziente zero"

  • Coronavirus: sei tamponi nel Vicentino, San Bortolo sommerso dalle telefonate

  • Coronavirus, massima allerta in Veneto: «Pronti a misure drastiche»

  • COVID-19, tutti negativi i tamponi nel Vicentino: 32 i contagiati in Veneto. Sesto morto in Italia

Torna su
VicenzaToday è in caricamento