La Colonna Infame di corso Palladio: Galeazzo da Roma

Vicenza ha un lato oscuro, fatto di misteri e di cruenti fatti di sangue. Ecco il racconto di un omicidio che ha coinvolto una delle più importanti famiglie nobili di Vicenza e che viene ricordato da una lapide nel cuore della città

La colonna infame (foto Valentina Campagnolo)

Galeazzo fu un cittadino benestante con una grande passione per l'occultismo e le armi. Nel XVI secolo molte delle famiglie vicentine erano in perenne conflitto tra di loro e non mancavano mai le occasioni per offendersi strada facendo e per sfidarsi a duello in Piazza dei Signori o in Campo Marzo.

La sorella di Galeazzo, Isabetta, era innamoratissima di uno dei figli dei conti Valmarana, Alberto, il quale però non corrispondeva minimamente questo sentimento. Isabetta, pur di riuscire ad avvicinare Alberto (di circa 20 anni più giovane di lei), gli offrì in sposa sua figlia. Quando Alberto rifiutò anche l'offerta di matrimonio della figlia di Isabetta, Galeazzo prese il fatto come un'offesa gravissima rivolta alla sua famiglia e iniziò a spedire lettere con minacce di morte a tutti i componenti della famiglia Valmarana.

Poco dopo iniziò a vendere gradualmente tutte le sue proprietà (compresa la propria abitazione, che vendette allo zio, il quale pretese un risarcimento quando la demolirono) e quando si trovò a non possedere quasi più niente, il 3 luglio 1548, assieme al fratello Leonardo, al pluriomicida Iseppo Almerico e ad altri briganti (nei documenti viene nominato un certo Cecone) fece irruzione in casa Valmarana uccidendo Alberto, due suoi fratelli e due servitori accorsi in aiuto. Poi (si pensa per non avere troppi problemi legali) fece irruzione anche in casa del notaio Monza (amico dei Valmarana) uccidendolo. Dopo la strage, il gruppo fuggì dalla città in preda al panico. Galeazzo da Roma si rifugiò a Como dove fondò una famiglia che, con gli anni, divenne nobile. Leonardo da Roma (che le cronache dell'epoca tratteggiano come un personaggio molto violento, per il quale uccidere era quasi una sorta di insana passione) per i suoi crimini fu espulso per la seconda volta dalla Serenissima e si arruolò nell'esercito. Iseppo Almerico, invece, fu l'unico a pagare per i suoi delitti, in quanto fu processato e impiccato a Firenze.

Della strage, esiste un ricordo nella lapide posta alla fine di Corso Palladio, sotto il portico della attuale libreria Traverso. Questa lapide è una colonna infame, ovvero un monumento eretto in memoria (con disprezzo) di atti criminali commessi da varie persone. Detta colonna fu fatta costruire sul sito della casa di Galeazzo Da Roma, la quale venne appositamente rasa al suolo come tentativo di cancellare qualsiasi resto fisico della vita di Galeazzo in questa città. Questo è il testo inciso nella lapide:

« QVESTO E IL LOCO DOVE ERA LA CASA DEL SCELERATISSIMO GALEAZZO DA ROMA IL QVAL CON ISEPPO ALMERIGO ET ALTRI SVOI COMPLICI COMMISERO ATROCISSIMI HOMICIDI IN QVESTA CITTA' DELLO ANNO MDXLVIII DI III LUGIO »

Fonte Wikipedia

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    Le Mafie nel Vicentino: il quadro della Mobile spiazza la platea

  • Cronaca

    Pronto il "conto" del disastro: un miliardo e 770 milioni

  • Cronaca

    Scomparsa 51enne, decine di uomini impegnati nelle ricerche: ritrovata

  • Cronaca

    Ordinanza anti smog: blocco delle auto sospeso per il periodo natalizio

I più letti della settimana

  • Ancora sangue in A4: morto un camionista

  • Malore dal veterinario, muore 39enne: gli avevano trovato uno stuzzicadenti nel cuore

  • La triste e strana storia dell'esproprio lampo della famiglia Minuzzo

  • Stroncato da un male incurabile, muore assicuratore 44enne

  • Arriva il grande freddo: allerta neve e gelate notturne

  • Scomparsa 51enne, decine di uomini impegnati nelle ricerche: ritrovata

Torna su
VicenzaToday è in caricamento