Ai domiciliari per le violenze contro la compagna, evade e la perseguita ancora: in carcere

I carabinieri hanno portato al San Pio X Jarno Canè: ad incastrarlo rilevamenti Gps, immagini delle telecamere di videosorveglianza e testimonianze

E' finito in carcere Jarno Canè, 39 anni di Malo, l'uomo accusato di aver reso la vita della sua compagna e madre delle sue due figlie un inferno per 15 anni. 

Canè era stato arrestato il 5 febbraio scorso, dopo l'ennesimo violento episodio, ed era stato sottoposto al regime domiciliare, con l'obbligo di non avvicinarsi alla vittima. L'uomo non solo non avrebbe rispettato questo divieto ma sarebbe anche evaso, il 13. A dimostrarlo ci sono delle rilevazioni Gps, delle immagini di video camere di sorveglianza e testimonianze. 

Potrebbe interessarti

  • Spiedo, grigliata: che bontà. Scopri le migliori del vicentino

  • Forno a microonde: i vantaggi e rischi per la salute

  • Il parco è in condizioni pietose: «chiuso per degrado»

  • I sintomi, la diagnosi, la terapia per riconoscere e affrontare l’intolleranza al lattosio

I più letti della settimana

  • Superenalotto, jackpot sfiorato: tripletta di cinque

  • Truffa della "compagnia telefonica": entrano nel telefonino e le svuotano il conto corrente

  • Zecca, Medusa, Zanzara, Cimice, Vespa, Calabrone, Vipera: cosa fare in caso di puntura

  • Devastante rogo in un'azienda agricola: danni ingenti

  • Tenta il suicidio con una pistola abbattibestiame: gravissimo anziano

  • Muore al volante e si schianta contro la farmacia

Torna su
VicenzaToday è in caricamento