Ai domiciliari per le violenze contro la compagna, evade e la perseguita ancora: in carcere

I carabinieri hanno portato al San Pio X Jarno Canè: ad incastrarlo rilevamenti Gps, immagini delle telecamere di videosorveglianza e testimonianze

E' finito in carcere Jarno Canè, 39 anni di Malo, l'uomo accusato di aver reso la vita della sua compagna e madre delle sue due figlie un inferno per 15 anni. 

Canè era stato arrestato il 5 febbraio scorso, dopo l'ennesimo violento episodio, ed era stato sottoposto al regime domiciliare, con l'obbligo di non avvicinarsi alla vittima. L'uomo non solo non avrebbe rispettato questo divieto ma sarebbe anche evaso, il 13. A dimostrarlo ci sono delle rilevazioni Gps, delle immagini di video camere di sorveglianza e testimonianze. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, caso sospetto nel Vicentino: potrebbe essere il "paziente zero"

  • Coronavirus: sei tamponi nel Vicentino, San Bortolo sommerso dalle telefonate

  • Coronavirus, tre casi lievi in provincia

  • COVID-19, tutti negativi i tamponi nel Vicentino: 32 i contagiati in Veneto. Sesto morto in Italia

  • Coronavirus, monta la paura: Regione attiva cordone sanitario, altri 7 tamponi positivi

  • Coronavirus, allerta in provincia: scuole chiuse e manifestazioni annullate

Torna su
VicenzaToday è in caricamento