Tragedia in ditta, operaio 49enne vittima di un incidente sul lavoro: inutili i soccorsi

E' successo sabato mattina, poco dopo le 11 a Chiampo. Sul posto i sanitari del Suem 118, i Vigili del fuoco e i carabinieri che stanno indagando sull'accaduto

I Vigili del fuoco, sabato mattina, sono intervenuti a Chiampo in via dell’Artigianato all’interno delle ditta Meccanica Lovato, specializzata in lavorazioni meccaniche, per un incidente sul lavoro.

I pompieri arrivati da Arzignano hanno assistito il personale medico del Suem, i quali hanno solo potuto accertare la morte di un operaio 49enne, che era intento a lavorare su una fresa a controllo numerico di grandi dimensioni. La vittima è Giuliano Pandolfo, residente a Chiampo.

L’allarme è stato dato da un’altra persona presente all’interno dell’azienda. Sul posto i carabinieri e il personale dello Spisal. Da una prima ricostruzione sembra che l'uomo sia rimasto impigliato negli ingranaggi della fresa sulla quale stava lavorando e abbia battuto violentemente il capo.

Sull'incidente sono intervenute anche le sigle sindacali: "Tutti impegnati a fare prevenzione dal virus Covid-19 ma ancora accadono incidenti mortali sul lavoro - dichiarano Stefano Chemello Fim Cisl, Morgan Prebianca Fiom Cgil e Carlo Biasin Uilm Uil  - Dobbiamo purtroppo constatare che non basta avere previsto per decreto legge in tutti i luoghi di lavoro il comitato di sicurezza aziendale per l'emergenza, evidentemente in tutti i luoghi di lavoro dove non sono presenti le organizzazioni sindacali il problema sicurezza sul lavoro è trascurato e non è una priorità delle aziende”.

Ed aggiungono: “Si spiega solo così il fatto che la ripresa lavoritiva coincida in provincia di Vicenza con due infortuni mortali sul lavoro. Davvero è ora di cambiare è urgente mettere al centro sicurezza. I comitati di sicurezza possono essere lo strumento di prevenzione dal virus covid-19 ma sopratutto dagli infortuni sul lavoro, bisogna crederci. Tutte le aziende, non importa se grandi o piccole devono adeguare gli standard di sicurezza e chi deve vigilare lo faccia seriamente non a parole”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Lo Spisal deve essere di supporto e vigilanza - concludono Chemello, Biasin e Prebianca - per questo serve potenziarlo con più risorse, con più addetti per poter effettuare i controlli di prevenzione. la partecipazione e la condivisione è la via tracciata anche con il tavolo avviato in prefettura tra tutte le parti sociali e le istituzioni interessate, se davvero non si interviene in materia precisa il numero di morti non farà altro che aumentare".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro, fatale caduta mentre sta operando su un macchinario: muore 59enne

  • Perde il controllo della moto e si schianta: muore 42enne

  • Ha un infarto all'inizio del cammino: morto escursionista

  • Malore improvviso: muore automobilista

  • Moto fuori strada: morto un 38enne, ferita una 22enne

  • Coronavirus, altri nuovi casi: positive due sorelline di 3 e 6 anni

Torna su
VicenzaToday è in caricamento