Giro della Padania, varata da Peruffo "Operazione Transumanza"

Proseguono i lanci di iniziative contro la kermesse ciclistica organizzata dalla Lega che arriverà a Montecchio il 10 settembre. Alberto Peruffo ne organizza "una delle sue"

La locandina del discusso "Giro della Padania"

Ecco l'appello lanciato dall'artista Alberto Peruffo, per la sua "Operazione Transumanza". L'iniziativa artistico-attivista è legata all'arrivo del Giro della Padania a Montecchio, il 10 settembre.

"Hanno sbagliato strada (santuario della nazione) - Hanno sbagliato paese d'arrivo (simbolo garibaldino dell'altro Veneto) - Hanno sbagliato persone (a Montecchio vive la più grande onda d'urto cultural-creativa figlia dell'indimenticabile MontecioRock) - hanno sbagliato tutto. E' la loro fine. Ci sono voluti anni, ma qui doveva accadere" - Prendendo a prestito le epistolari parole di un illustre personaggio, cari amici tutti, v...i invito all'OPERAZIONE TRANSUMANZA.

Qui la mia lettera d'invito e ogni dettaglio.
http://www.operazionetransumanza.it/

In sintesi, da Rovereto a Pian delle Fugazze creeremo una grande operazione di arte civile: disegneremo tutta la strada secondo le consuetudini ciclistiche (amici artisti, vi aspetto numerosissimi!). Naturalmente non semplici disegni o scritte di incoraggiamento, ma simboli e parole inquietanti che agiscano sulle coscienze dei ciclisti. La violazione di questi simboli, della memoria della nazione, sarà documentata e veicolata in tutto il web. Il ciclista potrà scegliere se passare sopra ai valori custoditi in questa importantissima strada (caspita, si passa sotto al Pasubio e a fianco del suo Ossario e a pochi passi dal Rifugio Antonio Giuriolo di Campogrosso!!) o veicolare la propria vergogna all'Italia intera. Ad Anghebeni, sotto il Corno Battisti!, i ciclisti POTRANNO SCEGLIERE se tornare indietro o finire sulla strada senza uscita di Obra. I più ingiuriosi faranno fatica a far salire le loro coscienze fino al passo Pian delle Fugazze. E poi, le transumanze, di persone-cose-animali, si sa... sono operazioni sempre molto civili e nonviolente, ma lente ed "evocative", fatte a gran voce per "liberare" la strada, e la cui esecuzione è imprevedibile per modi e tempi agli stessi transumanti, scendano essi dall'al di là (come le nostre città...), o dai non facili pascoli della Vallarsa.

Portate scarponi da montagna, colore bianco, bandiere dell'Italia e la vostra indignazione.

Amici del Trentino e del Veneto, da Rovereto a Montecchio passando per l'Altipiano di Asiago, sono già lì ad aspettarci (quante chiamate abbiamo ricevuto in questi giorni!) per riunirsi tutti in una grande rigorosa civile transumanza.

Segnali work in progress saranno trasmessi alle manifestazioni di Montecchio. Che potrebbe diventare la nostra Fortezza Bastiani. Il luogo dell'attesa sospesa. Si aspetta chi non arriva. Un omaggio a Dino Buzzati (uomo simbolo di unione tra monti e città), il quale vomiterebbe pure lui l'anima di fronte a una presa in Giro del genere.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rubano un'auto e si schiantano, un 14enne alla guida: denunciati due minorenni

  • Violento scontro auto-camion sulla Sp 26: muore una 52enne vicentina

  • Investita sulle strisce: 21enne in Rianimazione

  • Schianto in A4, grave un anziana: miracolati due bimbi di pochi mesi

  • Cade dalla finestra: gravissima una donna

  • Operaio trova l'amante nudo a letto, la moglie lo morde: denunciata per violenza domestica

Torna su
VicenzaToday è in caricamento