Rubano gasolio ma cade in un canale, allarme inquinamento

Un gruppo di malviventi è entrato in azione nella "Elite ambiente" di Grisignano e, durante il furto di 4mila litri di gasolio, ne ha rovesciato un po' nella roggia Cinosa. Tempestivo l'intervento dell'azienda per bloccare il carburante

Il gasolio è finito nel canale inquinandolo

Rubano del gasolio ma una parte cade in un canale facendo scattare l’allarme inquinamento: il fatto è accaduto a Grisignano Zocco nell’azienda “Elite ambiente”.

RUBANO GASOLIO: ARRESTATI DUE SERBI

IL FURTO. Come si legge anche sul Giornale di Vicenza, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti grazie alle telecamere di sorveglianza, a compiere il furto è stata una banda di circa cinque-sette malviventi, donne e uomini, che alcuni giorni fa si sono intrufolati nel cortile dell’azienda portando via circa 4mila litri di gasolio. I ladri, però, durante il travaso dalla cisterna hanno fatto fuoriuscire del gasolio che è poi caduto nel canale Cinosa inquinandolo fino a Mestrino. Solo il tempestivo intervento delle Autorità, dell’Arpav e della stessa azienda grazie a delle barriere assorbenti ha fatto sì che la situazione non peggiorasse.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Incidenti stradali

      Vicenza, schianto in viale del Sole: un ferito e traffico in tilt

    • Incidenti stradali

      Sossano, schianto tra tre auto: due feriti gravi

    • Cronaca

      Rapporto GdF: in aumento sequestri di beni ed evasori totali

    • Cronaca

      Rossano, rogo alla Fiorese: rientrato l’allarme inquinamento

    I più letti della settimana

    • Max Wrist, dalle impennate sul Costo alla galera

    • A4, tamponamento tra 4 tir: autista ferito salvato in extremis

    • Deposito di carburante in fiamme, paura a Rossano Veneto

    • Rogo all'ospedale di Santorso: un morto

    • Vicenza-Brescia, scontri fuori dallo stadio: feriti

    • Vicenza, 58enne trovato morto a casa

    Torna su
    VicenzaToday è in caricamento