Falsificano i bilanci per ottenere un finanziamento: sequestrati 190mila euro

Nei guai due imprenditori scoperti dalla guardia di finanza berica accusati di falso in bilancio e truff

Operazione della guardia di finanza di Vicenza su indicazione della procura berica. Le fiamme gialle hanno sequestrato preventivamente beni dal valore di 190mila euro a due imprenditori vicentini, operanti nel settore del commercio all’ingrosso di “metalli non ferrosi” e della società da essi rappresentata. I due sono stati denunciati  per falso in bilancio, truffa ai danni dello Stato e responsabilità amministrativa della persona giuridica.

Le indagini hanno consentito di appurare che Z.I., (49 anni bresciano), e C.M., (47 anni vicentino), attraverso la società da essi gestita, hanno simulato un “versamento in conto capitale” per avere accesso ad un finanziamento erogato da un istituto di credito. In sostanza gli imprenditori, non avendo garanzie private, hanno chiesto alla banca  una iniezione di fondi nelle casse della società, portando una “garanzia pubblica” contraffatta, costituita dal “Fondo di Garanzia per le Piccole e Medie Imprese”. 

La falsa rappresentazione contabile, ottenuta alterando il “merito di credito” attribuito, dalla sola banca finanziatrice, alla società mediante una procedura semplificata, senza la necessità di ulteriori controlli da parte dell’Ente deputato alla gestione del Fondo di Garanzia, oltre a consentire la contestazione del reato di “falso in bilancio”, ha comportato che agli stessi imprenditori venisse inoltre contestato anche il reato di “truffa in danno dello Stato”. Reato, quest'ultimo, conseguente all’incasso da parte della  banca della garanzia pubblica, una volta accertata l’insolvenza societaria per il reiterato mancato pagamento delle relative rate.

L’azione investigativa condotta dalle fiamme gialle vicentine ha portato alla confisca dell'importo pari al valore della “garanzia pubblica” con il vincolo delle quote sociali, di due immobili, di otto saldi attivi di rapporti finanziari e di due pregiati orologi da polso, riconducibili ai soggetti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attenzione anche a Vicenza: come si riconosce il virus cinese

  • Perde il controllo dell'auto e finisce contro un camion in sosta: 18enne muore sul colpo

  • Stop alle corse sulla strada del Costo: arrivano autovelox e targa system

  • Bollo auto, le novità del 2020: a chi spettano gli sconti

  • Operaio 34enne trovato morto in fabbrica

  • Schianto semi frontale tra auto: sei feriti, paura per due bimbi piccoli a bordo

Torna su
VicenzaToday è in caricamento