E' Roberto Baggio il più amato d'Italia, non Rivera non Del Piero

Nonostante le sue origini provinciali, Roby non solo si è fatto largo nel mondo del calcio ma si conferma come idolo che va ben al di là di scudetti e trofei. I giornalisti de La Gazzetta dello Sport avevano premiato il Golden Boy

Non è bastato il voto autorevole dei colleghi de La Gazzetta dello Sport, per scavalcare nel cuore degli italiani la luce impressa dal "divin codino", il vicentino Roberto Baggio. 

Forse, per l'origine milanese o lombarda di molti, in redazione aveva trionfato Gianni Rivera, ma il web ha ribaltato (di brutto) il giudizio: il più amato dai tifosi italiani è lui, Roberto Baggio, cresciuto tra le campagne di Caldogno e finito a premiare San Suu Kyi al Campidoglio. 

Nel sondaggio promosso dalla Gazzetta, la giuria degli addetti ai lavori aveva premiato la mitica mezzala milanista, che aveva sorpassato il vicentino di 49 punti, ma il popolo internettiano ha sconfessato i giornalisti: Roby tutta la vita con un oltre 25% dei voti, a fronte del 16% dell'alessandrino che si ritrova alle costole anche l'amato Alex Del Piero (14,4%).

Decisamente, il nostro miglior prodotto da esportazione, alla faccia del quotidiano inglese che lo diceva "sopravvalutato". 

Potrebbe interessarti

  • Lo zenzero fa male? I casi in cui è meglio evitarlo

  • Scopri tutti gli usi del bicarbonato di sodio: ecco quelli che non ti aspetteresti mai

  • Lo yoga è in gran voga anche a Vicenza: scopri i benefici e dove praticarlo

  • Bagno al mare: quanto tempo bisogna aspettare prima di farlo?

I più letti della settimana

  • Strage di polli nel devastante rogo: incendio ai confini del Vicentino

  • Via di casa per un giorno, parte l'allarme: 21enne torna a casa sano e salvo

  • Frontale tra due auto, tre feriti: patente ritirata a un anziano

  • Negata l'acqua a due ciclisti: il caso sulla stampa nazionale

  • Brividi a Marostica: il poeta cantautore incanta piazza degli Scacchi

  • Schianto auto-moto, due feriti: gravissima una donna

Torna su
VicenzaToday è in caricamento