Donazzan shock su facebook: "magrebino di m...", "bastardi", "patriota camerata"

L'assessore della nuova giunta Zaia ha subito il furto di due biciclette a Sanremo. Sul social network racconta il rocambolesco recupero della refurtiva a modo suo

Le bici rubate e recuperate da Elena Donazzan e il suo compagno di viaggio

Non le ha mandate a dire, la battagliera assessore Elena Donazzan, a chi ha rubato le biciclette, sua e del suo compagno di viaggio, a Sanremo. Donazzan, confermata nella nuova giunta di Luca Zaia, ha raccontato il fatto sulla sua pagina Facebook senza risparmiare pesanti insulti e "patriottismo". 

"Ore 23.45. Io e Vittorio usciamo dal ristorante in centro a San Remo. Amarissima sorpresa! Ci hanno rubato le mountainbike che avevamo chiuso per bene col lucchetto. Troviamo solo uno dei due lucchetti. Dopo qualche secondo di sconforto ci monta la rabbia e iniziamo a ragionare. Ci viene in mente di chiedere a quelli che affittano le bici sulla più bella ciclabile d'Italia - scrive Donazzan - Vittorio spiega ai più prossimi noleggiatori, che ci danno qualche indicazione, quanto ci fossero care affettivamente le nostre bici - la mia è vecchia ma me l'ha regalata il papà e quella di Vittorio é la sua fidanzata!!!- e si inoltra a cercare le due biciclette in mezzo ai magrebini (cosa non semplice e piuttosto pericolosa a quest'ora...) in zona stazione" .

Poi il racconto entra nel vivo: "Nel frattempo io riconosco la mia bici con sopra un magrebino di m.....la MIA bicicletta - scrive l'assessore - Lo blocco, questo scappa e io come una pazza urlo che il bastardo l'avevo individuato. A quel punto é guerra. Il patriota Vittorio inforca la mia bici e a seguito di segnalazioni di una ragazza di Perugia che si ferma con la sua auto - certamente una Patriota in questa guerra tra stranieri ladri,malviventi e noi italiani - si mette a caccia della sua Specialized e dell'altro bastardo.In mezzo al buio in una zona distante dal centro becca tre magrebini, si fa giustizia da solo e riporta a casa l bici tra lo stupore dei noleggiatori autoctoni ....risultato : Magreb 0 Italia 2 ( le nostre bici tornate a casa) 1 in fuga....diciamo che i magrebini non avranno più tanta voglia di rubare le nostre bici se avranno il dubbio che vi sia un Patriota Camerata pronto a farsi giustizia".  Non poteva mancare la vibrante conclusione: "Viva l'Italia e gli italiani che non piegano la testa".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (12)

  • mi sembra che ci sia qualche equivoco... casomai si dice ladro di merda! non si capisce l'avversità per un intero popolo. ma da una così non è che ci si possa aspettare un gran che di ragionamento... poi, forse mi sbaglio ma non l'ho mai sentita gridare ladro di merda ai suoi colleghi politici che rubano decine di migliaia... centinaia di migliaia... milioni di euro! quante biciclette si comprano con i milioni di euro che ha rubato il suo collega Galan, tanto per fare un esempio??? mai sentito dire da lei che Galan è un ladro di merda... mi fanno solo pena le persone che vanno ancora dietro a questi politici da terzo mondo!

  • Avatar anonimo di Muci
    Muci

    La Donezzan si è presentata! Una vera Saffo.

  • Avatar anonimo di Pierina
    Pierina

    Ma si tratta di qull'ignorante che chiama il suo fidanzato con un vezzeggiativo amoroso quale CAMERATA?

  • Avatar anonimo di abdul
    abdul

    Italiano merda

    • Avatar anonimo di alex
      alex

      Abdul torna a casa tua!!!!! in Italia di gentaglia di merda col tuo nome non ne abbiamo bisogno.

  • Avatar anonimo di martino
    martino

    che direbbe lady Donazzan se apostrofassimo nello stesso modo generalizzando i politici quando qualcuno di loro ruba? i cosiddetti camerati in Africa hanno sterminato centinaia di migliaia di civili, che vergogna e con le nostre tasse le paghiamo pure il lauto stipendio. Martino

    • Avatar anonimo di mario guadagnini
      mario guadagnini

      bravissima la signora Donazzan, un bel esempio di civiltà ed onestà, sopratutto per quei cittadini sempre pronti a giustificare i delinquenti e a denigrare gli italiani....Cittadini come lei siamo in tanti nel nostro paese e non ci facciamo certo intimorire da quei pochi arroganti che prendono le difese di chi non merita

  • Avatar anonimo di diego
    diego

    ottimo bravi ! dovremmo fare tutti cosi ! basta far finta di niente e dire sempre che è povera gente,i poveri siamo noi ! la povera gente non ruba cerca un lavoro e se non lo trova si rivolge a chi di dovere e se vanche quelli nn l' aiutano cazzi suoi !! se ne torna in patria in gommone !

  • Questa "poveraccia" è costretta ad inventarsi queste storie alla Walker Texas Ranger per dare un po' di soddisfazione al popolo di ignoranti razzisti che la segue...il che sarebbe meno grave rispetto al fatto che questa storiella sia vera: in tal caso, oltre alle gravi carenze linguistiche ed all'uso di un linguaggio non consono a chi riveste cariche pubbliche di siffatta importanza, oltre al reato di apologia del fascismo, si configurerebbe una pericolosa autorizzazione alla giustizia "fai da te" ed il velato messaggio che le forze dell'Ordine non siano in grado di difenderci. PS: se Donazzan o un suo "camerata" dovessero leggere questo post e rinvenire una terminologia troppo ostica per il loro livello di conoscenza della lingua italiana, consiglio di far riferimento agli ottimi siti "vocabolario" o anche ad una vecchia versione cartacea, ma dubito che ne abbiano mai posseduti. Per Vicenza Today: se non avete censurato le parole di Donazzan, non dovreste censurare neppure questo post che è ben meno offensivo. Grazie

    • concordo su tutto ma bisogna ammettere che le forze dell'ordine non sono più da tempo in grado di far fronte al loro lavoro e non solo per carenze di organico e mezzi che la stessa parte politica della Donazzan ha contribuito a smantellare. La colpa ben più grave però è la depenalizzazione di tutti i reati attuata per salvare i loro colleghi politici implicati nelle innumerevoli inchieste giudiziarie... triste ma vero, chi predica perchè i delinquenti non vanno in prigione sono gli stessi che hanno legiferato per tenerli fuori!!!!! poi i miracoli della comunicazione forviante fa credere alla gente che i giudici sono cattivi e rilasciano i colpevoli.

    • Avatar anonimo di mario guadagnini
      mario guadagnini

      Claudia, quanto veleno dalla sua bocca e quanto disprezzo per le persone, la vita certamente non le ha riservato un trattamento di favore.....

      • Avatar anonimo di claudia
        claudia

        Gent.mo Mario, mi spiace che lei, anzichè criticare il veleno che esce dalla bocca della sua diletta assessora, sposti l'attenzione sulla vita privata di una semplice "commentatrice" come me, ma già che l'ha fatto provo a risponderle: prima di tutto quello che lei chiama "disprezzo" era indirizzato al "gesto teatrale" oggetto dell'articolo non certo a tutta una popolazione (quella è una prerogativa che lascio a Donazzan); circa la mia vita, mi spiace deluderla, ma è davvero molto serena, inoltre, poiché mi dedico ogni giorno con amore alla mia famiglia ed al mio lavoro ho ancora la sensibilità necessaria per rimanere sconvolta dalla violenza del linguaggio usato da Donazzan. Se non è soddisfatto dalla mia risposta, potrei invitarla a casa mia così potrà controllare di persona se la mia vita è ok.

Notizie di oggi

  • Meteo

    Allerta nevicate e gelate: piano neve pronto a scattare

  • Cronaca

    Infarto alla guida: muore 62enne

  • Incidenti stradali

    Auto finisce dentro un fosso: gravissimo un 44enne, traffico in tilt

  • Cronaca

    Ancora guai per "don" Sante Sguotti, in versione amministratore di condominio

I più letti della settimana

  • Malore dal veterinario, muore 39enne: gli avevano trovato uno stuzzicadenti nel cuore

  • Auto contro camion: morta una 48enne

  • Allerta nevicate e gelate: piano neve pronto a scattare

  • Arriva il grande freddo: allerta neve e gelate notturne

  • LR Vicenza - Ravenna: 1-2, Lelj, Zarpellon, Galuppini (r)

  • Scomparsa 51enne, decine di uomini impegnati nelle ricerche: ritrovata

Torna su
VicenzaToday è in caricamento