Donazzan shock su facebook: "magrebino di m...", "bastardi", "patriota camerata"

L'assessore della nuova giunta Zaia ha subito il furto di due biciclette a Sanremo. Sul social network racconta il rocambolesco recupero della refurtiva a modo suo

Le bici rubate e recuperate da Elena Donazzan e il suo compagno di viaggio

Non le ha mandate a dire, la battagliera assessore Elena Donazzan, a chi ha rubato le biciclette, sua e del suo compagno di viaggio, a Sanremo. Donazzan, confermata nella nuova giunta di Luca Zaia, ha raccontato il fatto sulla sua pagina Facebook senza risparmiare pesanti insulti e "patriottismo". 

"Ore 23.45. Io e Vittorio usciamo dal ristorante in centro a San Remo. Amarissima sorpresa! Ci hanno rubato le mountainbike che avevamo chiuso per bene col lucchetto. Troviamo solo uno dei due lucchetti. Dopo qualche secondo di sconforto ci monta la rabbia e iniziamo a ragionare. Ci viene in mente di chiedere a quelli che affittano le bici sulla più bella ciclabile d'Italia - scrive Donazzan - Vittorio spiega ai più prossimi noleggiatori, che ci danno qualche indicazione, quanto ci fossero care affettivamente le nostre bici - la mia è vecchia ma me l'ha regalata il papà e quella di Vittorio é la sua fidanzata!!!- e si inoltra a cercare le due biciclette in mezzo ai magrebini (cosa non semplice e piuttosto pericolosa a quest'ora...) in zona stazione" .

Poi il racconto entra nel vivo: "Nel frattempo io riconosco la mia bici con sopra un magrebino di m.....la MIA bicicletta - scrive l'assessore - Lo blocco, questo scappa e io come una pazza urlo che il bastardo l'avevo individuato. A quel punto é guerra. Il patriota Vittorio inforca la mia bici e a seguito di segnalazioni di una ragazza di Perugia che si ferma con la sua auto - certamente una Patriota in questa guerra tra stranieri ladri,malviventi e noi italiani - si mette a caccia della sua Specialized e dell'altro bastardo.In mezzo al buio in una zona distante dal centro becca tre magrebini, si fa giustizia da solo e riporta a casa l bici tra lo stupore dei noleggiatori autoctoni ....risultato : Magreb 0 Italia 2 ( le nostre bici tornate a casa) 1 in fuga....diciamo che i magrebini non avranno più tanta voglia di rubare le nostre bici se avranno il dubbio che vi sia un Patriota Camerata pronto a farsi giustizia".  Non poteva mancare la vibrante conclusione: "Viva l'Italia e gli italiani che non piegano la testa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sai quanti punti hai? Patente a punti, controlla e verifica il saldo

  • La classifica delle migliori scuole d'Italia: scopri le vicentine

  • Donna viene investita da un'auto e muore: è caccia al pirata della strada

  • Anziana travolta e uccisa, il "pirata" si è costituito

  • VIDEO|Inferno di fuoco all'alba: colonna di fumo visibile per chilometri

  • Volo di 5 metri dal capannone: gravissimo operaio

Torna su
VicenzaToday è in caricamento