'Ndrangheta, camorra, mafie cinesi e nigeriane: solo tre arresti e omertà locale

È quanto emerge dalla relazione semestrale della Direzione Investigativa Antimafia presentata mercoledì. Un territorio che per produzione e volume d’affari consente alle cosche di mimetizzarsi nel tessuto economico e operare nel riciclaggio e nel reinvestimento dei loro capitali in attività dalla parvenza lecita

Foto da Catania Today

È la ‘ndrangheta calabrese ad occupare gli spazi di potere criminale in Veneto.

È questo ciò che emerge dalla relazione semestrale della Direzione Investigativa Antimafia presentata mercoledì. Un territorio che per produzione e volume d’affari consente alle cosche di mimetizzarsi nel tessuto economico e operare nel riciclaggio e nel reinvestimento dei loro capitali in attività dalla parvenza lecita.

Non è facile capire quanto e come sono ramificate le ‘ndrine (le “famiglie” in gergo calabrese), è evidente infatti che la loro enorme disponibilità di denaro contante sia estremamente attrattiva per aziende e imprenditori in difficoltà di liquidità. Soggetti che si prestano facilmente a ruoli di “prestanome” e soci. Il centro operativo di Padova, che opera in tutto il territorio del Nord-est è riuscito ad intercettare la presenza di alcune cosche e in qualche caso ad arrestare alcuni elementi legati a queste. Dalla cosca Avignone di Reggio Calabria alla potente famiglia Grande Aracri di Cutro per finire alle cosche crotonesi degli Arena, dei Nicosia e dei Giglio. Tutti elementi che spaziavano in svariati ambiti commerciali, dall’edilizia alle scommesse online. Da sottolineare la prima interdittiva antimafia emessa nel vicentino nei confronti di una pizzeria di cui il titolare aveva rapporti con una cosca calabrese

La camorra

Diverse invece le zone buie in cui opera la camorra nella terra del leone di San Marco, la cui presenza è minoritaria ma non meno pericolosa e pressante. Dal clan dei Casalesi al clan Mallardo, i campani operano nel recupero crediti, nella distribuzione di generi alimentari con relative truffe ai danni dei fornitori e nel reinvestimento di capitali illeciti. Particolare anche il riconoscimento del territorio vicentino come “buon posto” dove passare la latitanza. A conferma l’arresto di una donna di Acerra, ricercata per traffico internazionale di stupefacenti, che lavorava come badante a Thiene. 

La Sacra Corona Unita

Per quanto riguarda la mafia pugliese, la Sacra Corona Unita, solo singoli casi come quello di un pluripregiudicato brindisino che in Veneto aveva creato un piccolo impero nel settore alimentare e che si è visto sequestrare beni per circa 2,5 milioni di euro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Una vera cassaforte il produttivo Veneto, una terra dove le operazioni segnalate come reati spia, per quanto riguarda la criminalità organizzata, sono state 2362 in un solo semestre, con accertamenti su 280 di esse. Nella quasi totalità riferite a soggetti legati a cosche calabresi. 

Le mafie estere

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Condizionatori e Coronavirus: consigli su come igienizzarli

  • Nuovi focolai in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Coronavirus, è allarme nel Vicentino: nuovo focolaio, massiccio piano di isolamento

  • Le vacanze si trasformano in tragedia, mamma 44enne muore mentre fa snorkeling

  • Coronavirus, nuova ordinanza in Veneto: tutte le novità

  • Tragedia sulla Sisilla, volo di 80 metri: muore un escursionista

Torna su
VicenzaToday è in caricamento