Corriere della droga in stazione con un trolley di "maria": arrestata 33enne

Blitz della squadra mobile nell'ambito di un'operazione per il contrasto del traffico di stupefacenti "all'ingrosso" che ha portato al sequestro di 15 kg di marijuana nel giro di una settimana

Una classica soffiata alla polizia di Stato ha portato nel pomeriggio di ieri all'arresto di un corriere della droga incaricata di rifornire la piazza vicentina e in particolare quella di Campo Marzo dove operano i "dettaglianti" nigeriani. La squadra mobile di Vicenza ha messo a segno la seconda operazione nel giro di una settima arrivando a sequestrare in totale quasi 15 chili di marijuna. 

Dopo l'arresto di un nigeriano 24enne, verso le 15 di giovedì gli uomini del capo della mobile Davide Corazzini hanno messo a segno un altro colpo alla criminalità organizzata. La trappola è scattata in stazione a Vicenza a seguito di un'informativa con la quale la polizia è venuta a conoscenza dell'arrivo in città di un corriere con un treno proveniente da Zurigo e che ha fatto tappa a Milano. 

La ricerca era concentrata su una donna della quale non si conosceva la fisionomia. Degli agenti della Polfer in divisa hanno aspettato che i passeggeri scendessero dal treno per verificare degli atteggiamenti sospetti. In particolare una nigeriana, dall'aspetto molto ben curato e che trascinava un trolley alla vista della polizia ha mostrato segni di nervosismo e ha affrettato il passo. A quel punto è scattata la trappola del personale in borghese della mobile che l'hanno fermata chiedendole cosa aveva in valigia. 

La donna ha risposto che non lo sapeva e dalla successiva perquisizione la polizia ha scoperto che la valigia conteneva 3,3 chili di marijuana, confezionata in pacchetti da 1,1 chili. Un impacchettamento con diversi stati di cellophane, stagnola e con una copertura di borotalco per nascondere l'odore dello stupefacente. Un sistema identico al precedente episodio di sequestro. A quel punto per la giovane, identificata come una nigeriana di 33 anni, irregolare in Italia, sono scattate le manette. 

Per gli inquirenti la giovane è pura manovalanza sacrificabile al servizio di una organizzazione molto ben strutturata che opera in tutta Italia e che a Vicenza rifornisce sopratutto i piccoli spacciatori a Campo Marzo e i cui vertici - probabilmente una struttura criminale nigeriana - sono da tempo nel mirino delle forze dell'ordine 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vittorio Brumotti aggredito in Campo Marzo: preso a sassate durante le riprese

  • Ora solare 2019: conto alla rovescia per il cambio dell'ora (e presto ci saranno novità)

  • Sorpreso con un trans, paga subito la multa: «Ma non ditelo a mia moglie»

  • Precipita dalla ferrata: gravissimo 28enne

  • Tamponamento tra mezzi pesanti in A4: muore camionista vicentino

  • Divorziano dopo sessant'anni di matrimonio perchè lui vuole farsi prete

Torna su
VicenzaToday è in caricamento