Sigaretta in compagnia e visita alla nonna: le scuse più gettonate, 17 denunce

Continuano i controlli sul territorio da parte dei carabinieri, nel rispetto del Dpcm contro la diffusione del contagio da Covid-19

I Carabinieri della sezione Radiomobile della Compagnia di Vicenza e delle Stazioni di Brendola, Camisano Vicentino, Longare, Sossano e Torri di Quartesolo, nella giornata e nottata di martedì hanno denunciato 17 persone per inosservanza del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri introdotto a seguito dell’emergenza Covid-19.

Si tratta di persone sorprese all’esterno delle loro abitazioni o al di fuori dei rispettivi comuni di residenza che al controllo dei carabinieri hanno fornito motivazioni non plausibili.

Nello specifico, ad Arcugnano, un 25enne residente a Vicenza è stato sorpreso in bici; fermato ha dichiarato di essere andato a far visita alla nonna. Nel comune di Albettone, un 21enne ed un 18enne entrambi residenti in paese sono stati sorpresi in un parco pubblico. I due si sono giustificandosi con il fatto che avevano la necessità di stare all’aria aperta e fumare una sigaretta in compagnia;

Nel comune di Camisano Vicentino, un 34enne ed un 32enne entrambi residenti a Torri di Quartesolo, non hanno saputo dare un'adeguata giustificazione sul fatto di essersi allontanati dal comune di residenza;

Nel comune di Grumolo delle Abbadesse, un 42enne residente a Camisano Vicentino ha giustidicato la sua presenza riferendo che si stava recando nella macelleria di fiducia per acquistare della carne;

Nel comune di Longare, un 28enne ed un 24enne entrambi residenti a Vicenza sono stati controllati nel parcheggio di un supermercato giustificandosi, rispettivamente, di avere accompagnato a fare la spesa la mamma e la fidanzata residenti in paese.

Un 51enne residente nel capoluogo è stato controllato lungo la pista ciclopedonale riferendo che si stava recando a Noventa Vicentina dove è residente uno dei figli per portargli un dvd.

Nei comuni di Noventa Vicentina, Sossano, Torri di Quartesolo sono state controllate ulteriori persone che fornivano giustificazioni non pertinenti: dalla visita a conoscenti, a fumare una sigaretta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine, a Vicenza, una 39enne di nazionalità rumena residente a Rubano (Padova) ha giustificato la sua presenza nel capoluogo riferendo che doveva recarsi in un negozio per acquistare delle scarpe.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coranavirus, colpiti padre e figlia: entrambi perdono la vita

  • Coronavirus, non si fermano i contagi e i decessi in Veneto

  • Coronavirus, 34 morti in 24 ore ma diminuiscono i ricoveri

  • Covid-19: oltre 5mila casi e 186 decessi in Veneto, 652 positivi nel Vicentino

  • Frontale tra due auto: grave un 65enne

  • Giocano a pallone in strada: denunciati i genitori di 10 ragazzini per violazione al Dpcm

Torna su
VicenzaToday è in caricamento