Castelgomberto, alluminio nella fognatura pubblica: nei guai un'azienda

Facevano confluire i reflui derivanti dalla fusione dell'alluminio nelle acque nere anziché smaltirli. I carabinieri forestali e l'Arpav hanno individuato e denunciato una ditta e sequestrato la condotta adibita allo scarico illegale

I carabinieri della Forestale di Valdagno con il personale ARPAV Vicenza e VIACQUA SPA hanno scoperto che una ditta di pressofusioni in alluminio di Castelgomberto sversava illecitamente dei reflui industriali derivanti dalla fusione dell’alluminio e dalla lavorazione degli stampi industriali nella pubblica fognatura.

I liquidi, anziché essere smaltiti secondo la normativa prevista per la gestione dei rifiuti, venivano fatti confluire nella condotta adibita allo scarico delle acque “nere”. I militari hanno denunciato i responsabili in flagranza di reato e sequestrato la condotta adibita allo scarico illegale.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grave perdita di gpl dal distributore di carburanti: pericolo esplosione

  • Schianto in A4, grave un anziana: miracolati due bimbi di pochi mesi

  • Rubano un'auto e si schiantano, un 14enne alla guida: denunciati due minorenni

  • Schianto auto-moto sotto al cavalcavia: gravissimo centauro

  • Schianto fra tre auto e un furgone: quattro feriti

  • Attimi di panico al parco: "Troppi cani" imbraccia il fucile e spara in aria

Torna su
VicenzaToday è in caricamento