Caso Cocoricò, deejay Buffa: "Giusto chiudere le discoteche"

Dopo lo scoppio del caso Cocoricò e la morte per overdose di un 16enne, parla uno dei più noti deejay del Vicentino: "Certe discoteche sono conniventi con un sistema e vanno chiuse"

Carlo "Buffa" Bufarini durante un festival a Montecchio

L'equazione è fin troppo facile: discoteca uguale sballo e quindi droga. Il caso del 16enne morto per un overdose di ecstasy durante una serata alla famosa discoteca Cocoricò di Riccione, anima il mondo della notte che si divide: da un lato chi è a favore della chiusura dei locali segnalati per la presenza di spacciatori, dall'altro chi vede nell'intervento amministrativo una forma di ipocrisia di stato. Troppo facile, dice questa fazione, chiudere un locale e pensare di aver risolto il problema della droga. 

Netta la posizione di Carlo Buffarini, in arte Buffa, uno dei più noti volti delle notti vicentine: "Bisogna essere chiari- spiega il deejay, raggiunto telefonicamente - un certo tipo di discoteche e di movimenti convivono con tal mal costume. Questo non vuol dire che i gestori siano degli spacciatori, ma che non hanno il coraggio di dire no ad un certo tipo di clientela e talvolta chiudono un occhio. Mi sono letto le motivazioni dell'ordinanza di chiusura del Cocoricò, in un anno e mezzo la discoteca aveva ricevuto 44 segnalazioni per droga, serviva il morto per farla chiudere?"

Eppure sono stati in tanti sui social a scagliarsi contro la chiusura della discoteca. "Non capisco - continua Buffa - chi dice che così non si risolve il problema della droga. Sarebbe come dire che è sbagliato sistemare una curva pericolosa dove avvengono incidenti stradali, perchè così non si risolvono i problemi del traffico."

Sebbene l'eco di quanto accaduto a Riccione e altrove arrivi anche in città, Vicenza sembra essere un'isola relativamente felice. Da tempo la cronaca non registra casi simili a quello del Cocoricò e ecstasy e altre droghe dello sballo sembrano non andare per la maggiore tra i giovani vicentini. Un'impressione confermata anche dalla questura che raramente si imbatte in partite di droga chimica. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Qualche tossico, soprattutto in certi tipi di feste, è normale che possa entrare in un locale- conclude Buffarini- ma se i pr vengono istruiti a tenere lontane certe persone e i loro giri, se non si fanno entrare ragazzi evidentemente alterati in discoteca e si mantiene alta l'attenzione, il rischio si limita molto. Il problema è dire no ad un certo tipo di clientela perchè, diciamolo, il pusher porta gente che consuma e quindi soldi. Non tutti riescono a dire di no."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal 1 giugno l'obbligo di mascherina all'aperto non c'è più

  • Riapertura di asilo, materne, centri estivi e le novità per la scuola a settembre

  • Bonus casa 110%: tutte le informazioni per ristrutturare a costo zero

  • Operaio schiacciato da lastra metallica, inutile la corsa al pronto soccorso: muore 22enne

  • Coronavirus, stop mascherine all'aperto: nuova ordinanza di Zaia

  • Concia e acido solfidrico nell'aria: «rischio salute» per l'Agno-Chiampo

Torna su
VicenzaToday è in caricamento