Carrè: distrugge casa e pesta i genitori, poi se la prende con i carabinieri

I carabinieri di Thiene sono intervenuti giovedì sera in via Monte Ortigara dove hanno arrestato K.M.G., 23 anni, perchè chiamati dai genitori. Il giovane aveva distrutto parte del mobilio di casa e non si è calmato nemmeno all'arrivo dei militari

Giovedì, in tarda serata, i carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Thiene hanno tratto in arresto per resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali e danneggiamento aggravato, K.M.G, 23enne di origine colombiana residente a Carrè, disoccupato con precedenti per reati analoghi.

I militari, intervenuti a casa del giovane su richiesta dei genitori per una lite in famiglia, in Via Monte Ortigara a Carrè, sono stati aggrediti con calci, pugni e testate, tanto da riportare lesioni giudicate guaribili in 7 giorni, mentre tentavano di calmare il ragazzo che, poco prima, aveva già danneggiato gran parte dei mobili di casa in seguito alla degenerazione di una discussione avuta con i propri genitori, riguardante il proprio stile di vita.

Una volta ammanettato, il giovane è stato fatto salire a bordo dell’autovettura di servizio e qui ha continuato a dare in escandescenze colpendo ripetutamente a calci le porte e il deflettore interno che separa l’abitacolo, danneggiandolo, di qui la denuncia anche per danneggiamento aggravato.

Riportata la calma, l’arrestato è stato trattenuto presso le camere di sicurezza della Compagnia Carabinieri di Thiene in attesa della celebrazione del rito direttissimo, prevista per venerdì mattina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camilla non ce l'ha fatta, dopo dieci giorni di agonia la 19enne è morta

  • Spiedo, grigliata che bontà: scopri dove mangiare le migliori del vicentino

  • Malore fatale sul posto di lavoro: giovane papà di due bambini perde la vita

  • Tragedia lungo la A1, camionista muore schiacciato dal suo bisonte

  • Le Sardine invadono piazza Matteotti

  • Operaio schiacciato dal muletto: è grave

Torna su
VicenzaToday è in caricamento