Carrè, bimba sola chiama matrigna per aiuto e la mamma la picchia

Il tribunale di Vicenza ha condannato a otto mesi di reclusione una ungherese che ha abbandonato la figlia di notte. La donna si è scagliata contro la bimba perché aveva chiesto aiuto alla compagna del padre

Nei giorni scori il tribunale di Vicenza ha condannato a otto mesi di reclusione una mamma ungherese nata nel 1974 e residente a Carrè che nel luglio di due anni fa aveva abbandonato la figlia di dieci anni a casa da sola tutta la notte. 

La figlia, spaventata per l'abbandono, aveva preso il telefono e chiamato l'attuale compagna del padre per chiedere aiuto. Al ritorno la madre, indispettita del gesto della figlia, l'ha percossa violentemente, strattonandola per un braccio e colpendola con pugni alla testa. La bambina ha riportato echimosi al volto, con una prognosi di sei giorni 

Potrebbe interessarti

  • Spiedo, grigliata: che bontà. Scopri le migliori del vicentino

  • Forno a microonde: i vantaggi e rischi per la salute

  • I sintomi, la diagnosi, la terapia per riconoscere e affrontare l’intolleranza al lattosio

  • Il parco è in condizioni pietose: «chiuso per degrado»

I più letti della settimana

  • Superenalotto, jackpot sfiorato: tripletta di cinque

  • Truffa della "compagnia telefonica": entrano nel telefonino e le svuotano il conto corrente

  • Zecca, Medusa, Zanzara, Cimice, Vespa, Calabrone, Vipera: cosa fare in caso di puntura

  • Dove sono gli autovelox? Te lo dice l'app del cellulare

  • Intervento miracoloso al San Bortolo: bimba di un anno salvata in extemis 

  • Devastante rogo in un'azienda agricola: danni ingenti

Torna su
VicenzaToday è in caricamento