Camisano, blitz al mercato domenicale: vigili rincorrono gli abusivi

Scene da film nel mercatino affollato. Una decina di venditori non in regola, segnalati da un gruppo di esponenti della Lega Nord, fuggivano alla vista della polizia locale per poi ritornare a esporre la propria merce

Fuggi fuggi dei venditori abusivi africani domenica mattina al mercato di Camisano, inseguiti dalla polizia locale arrivata in forze nelle vie del centro. Ieri mattina sono state molte le scene che vedevano i venditori senza permesso raccogliere in fretta e furia le loro cose e allontanarsi dalle vie del paese. A segnalarli alle forze dell'ordine un gruppo di rappresentanti locali della Lega che in via Roma in un sit-in con bandiere per richiamare l'attenzione sul fenomeno. 

"Le sezioni di Camisano Vicentino e Grisignano di Zocco unite contro gli abusivi e a favore degli ambulanti e negozianti che pagano regolsrmente le tasse - hanno comunicato gli esponenti del Carroccio - non importa che siano gialli bianchi o neri gli abusivi danneggiano gli onesti imprenditori ambulanti".

La Lega ha annunciato che dopo Camisano inzierà una campagna nei mercati della provincia contro gli abusi. Domenica era una decina circa i venditori, tutti di origin africana, appostati lungo i marciapiedi con la loro merce composta da borse, portafogli e vari oggetti. Alla vista della polizia locale, nel mercato affollato, sparivano nel nulla, per poi tornare e riposizionare la merce. Una scena che si è ripetuta diverse volte nel corso della mattinata. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cimici in casa? Ecco come allontanarle subito

  • Scomparso sul Pasubio: trovato il corpo in un dirupo

  • Atletica in lutto: Alen non ce l'ha fatta, giovane promessa muore a 18 anni

  • Si allontana dalla comitiva durante l'uscita sulla Strada delle 52 gallerie: scatta l'allarme

  • Violento schianto auto-moto in provincia: centauro in gravi condizioni

  • Lady Blue si dà al porno: sarà la protagonista del nuovo Ciak di Rocco Siffredi

Torna su
VicenzaToday è in caricamento