Cacciatori scatenati per il "rosto di Ognissanti": raffica di controlli e multe

A Montegaldella, Z.B. cacciava senza porto d'armi uso caccia utilizzando richiami acustici e soprattutto sparando a tutto ciò che muoveva le ali con un fucile di piccolo calibro e per giunta da un garage. M.C. si era costruito un casotto nel cortile di casa

Le gabbiette sequestrate

Controlli a tappeto e scoperte poco piacevoli da parte della polizia provinciale.

A Montegaldella, Z.B. classe 1950, veniva sorpreso in flagranza di reato mentre cercava di procurarsi il necessario per il “rosto di Ognissanti”. Peccato però che l'uomo cacciasse senza porto d'armi uso caccia utilizzando richiami acustici e soprattutto sparando a tutto ciò che muoveva le ali con un fucile di piccolo calibro e per giunta da un garage e dunque in prossimità di abitazioni. Due agenti della Polizia Provinciale di Vicenza, in servizio di perlustrazione, insospettiti da un richiamo sono nei pressi di una abitazione, intervenivano ponendo fine alla caccia di frodo. Dalla perquisizione di prassi, saltavano fuori da un congelatore anche 60 esemplari di uccellini appartenenti a specie protette e particolarmente protette che venivano sequestrate. L'uomo, denunciato alla Procura della Repubblica, si è pure visto affibbiare una sanzione amministrativa di oltre 1.200 euro. Così, alla fine e calcolando tutte le infrazioni, il rosto abusivo gli costerà sui 4.000 euro, troppo anche per un buongustaio.

Ma siccome la mamma dei furbetti è sempre incinta, a Grumolo della Abbadesse il quarantaseienne M.C. ha pensato bene di costruirsi un piccolo casotto nel “cortile di casa” e di sparare ai fringuelli utilizzando un elaborato richiamo acustico. Per fortuna l'intervento della pattuglia di due agenti della Polizia Provincia fermava sul nascere il tentativo di strage: solo una cinciarella, nel carniere, volatile comunque particolarmente protetto. Alla vista delle forze dell'ordine provinciali l'uomo ha pure cercato di occultare tutto, senza fare in tempo, e considerato che cacciava senza porto d'armi uso caccia, dunque senza autorizzazioni e assicurazioni. 

Da Est a Ovest, altra operazione antibracconaggio messa in atto dai nostri agenti del distaccamento di Montecchio Maggiore. Ad Arzignano, sequestrati al signor C.L. classe 1952 una rete da uccellagione di metri 2 per 8, una trappola in rete, 14 panie di vischio per la cattura di uccelli, 44 uccelli vivi da richiamo protetti e particolarmente protette ovvero 2 pettirossi, 22 lucherini, 20 passere scopaiole, 2 lucherini morti catturati nella rete e 135 fascette per inanellamento più richiami irregolari. Recidivo per gli stessi reati, l'uomo è stato denunciato alla Procura della Repubblica per uccellagione e cattura e detenzione di specie particolarmente protette.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Election Day: tutte le info sul voto

  • Incidenti stradali

    L'appello su Facebook per trovare il pirata: «Mi è venuto addosso ed è scappato senza fermarsi»

  • Incidenti stradali

    Schianto nella notte: auto distrutta e conducente miracolato

  • Cronaca

    Mafia nigeriana, arrestato boss: Vicenza lo snodo principale

I più letti della settimana

  • Incidente in Autostrada: chilometri di coda

  • Malore fatale alla guida: muore un 50enne

  • Auto piomba nella pasticceria, tragedia sfiorata

  • Nuova tragedia sul "ponte dei suicidi"

  • Adottato da una coppia vicentina il neonato abbandonato a Rosolina

  • Frontale tra due auto: traffico in tilt

Torna su
VicenzaToday è in caricamento