Brescia, bomba alla Popolare di Vicenza: si indaga su una decina di clienti

Proseguono le indagini sul rinvenimento della bomba a mano, venerdì mattina, davanti alla sede della BPVi in via Triumplina, a Brescia. Gli inquirenti avrebbero circoscritto la cerchia dei sospetti ad una decina di clienti, danneggiati dal crollo dele azioni

Foto Bresciatoday

Ci sarebbero una decina di clienti danneggiati dal crollo delle azioni nel mirino degli investigatori che stanno indagando sulla bomba a mano lasciata venerdì mattina davanti alla sede della Banca Popolare di Vicenza di via Triumplina a Brescia.

L'ordigno è una "Srcm" modello 35, ancora in uso presso l'Esercito Italiano ed in grado di provocare danni ingenti a cose e persone; quella rinvenuta era inoffensiva, poichè la spoletta era ancora inserita ma l'intento intimidatorio è chiaro. Gli inquirenti si stanno concentrando in particolare sui filmati delle videocamere di sicurezza degli utlimi giorni: chi ha piazzato l'esplosivo non può essere sfuggito a uno dei numerosi occhi elettronici della zona. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ora solare 2019: conto alla rovescia per il cambio dell'ora (e presto ci saranno novità)

  • Sorpreso con un trans, paga subito la multa: «Ma non ditelo a mia moglie»

  • Tamponamento tra mezzi pesanti in A4: muore camionista vicentino

  • Scomparso sul Pasubio: trovato il corpo in un dirupo

  • Precipita dalla ferrata: gravissimo 28enne

  • Si allontana dalla comitiva durante l'uscita sulla Strada delle 52 gallerie: scatta l'allarme

Torna su
VicenzaToday è in caricamento