Birreria vicentina tra le top 20 del mondo: Drunken Duck

Rate Beer, noto sito specializzato nel settore della birra, ha inserito il Drunken Duck di Quinto Vicentino al 17°posto nella classifica dei migliori locali al mondo. L'intervista a Vanni Borin e il video su come si spina una birra

Le spine del Drunken Duck a Quinto Vicentino

Il Drunken Duck è tra i migliori pub al mondo, parola di Rate Beer, sito di riferimento nel settore. Il pub di Quinto Vicentino, in via degli Eroi 77, è al 17° posto nella classifica mondiale e, in Italia, hanno fatto meglio solo il "Ma che sei venuto a fà"(5°) e  il "Brasserie 4.20" (12°), nella capitale. 

"Questo, come altri riconoscimenti internazionali raggiunti in passato, ci da molta soddisfazione - racconta il proprietario del locale Vanni Borin - Anche se il premio più grande è avere il locale pieno ogni sera, portando avanti un'idea di birra e di azienda che quando abbiamo iniziato era impensabile". La segnalazione su RateBeer non è il primo riconoscimento che la birreria riceve, ma è sicuramente un bel premio da mettere in bacheca. 

VIDEO: COME SPINARE UNA BIRRA IN BOTTIGLIA

"Nato e cresciuto qui, fa sempre un effetto particolare vedere Quinto Vicentino associato a locali delle grandi capitali d'Europa e delle metropoli americane - continua il gestore del locale - 13 anni fa, quando ho iniziato, il mercato della birra artigianale in Italia non esisteva. Un cliente entrava e chiedeva una bionda o una scura, senza capire che il colore della birra vuol dire poco, un po' come accade per il vino, conta la storia ed il sapore di ogni prodotto".

Negli ultimi anni, effettivamente, le birre artigianali hanno avuto un vero e proprio boom. Sono sempre più cercate e apprezzate dal grande pubblico. "La birra è una bevanda che fa parte della nostra storia,- spiega Borin- ma ad un certo punto le grandi multinazionali del settore ci hanno spinto a credere che esistessero solo i tipi di birra che trovavamo al supermercato. Oggi le cose sono diverse, ma bisogna saper distinguere: un conto è parlare di birre artigianali, in Veneto ne abbiamo di ottime, un altro è parlare di "beer firm" che spesso nascondono solo operazioni di marketing, cioè quelle birre in bottiglia che spesso hanno delle belle etichette, costano care, ma non hanno una tradizione. Oggi un ragazzo che capisce qualcosa di questo settore, può registrare un marchio, prodursi una bella etichetta e poi andare in un birrificio e farsi produrre un certo tipo di birra. Non sono quelli i prodotti che fanno crescere il settore."

Parlando di ricette, Borin ha le idee chiare anche su cosa renda di primo livello un locale: "Mia moglie Chiara, Enrico, il socio con cui ho aperto un secondo locale a Noventa, ed io abbiamo la stessa idea: prima dei soldi vengono la passione e le persone. In azienda si è tutti uguali, i miei dipendenti hanno tutti un contratto in regola e, da noi, nessuno va mai via senza lo scontrino".

I primi dieci in classifica

1)Akkurat, di Stoccolma

2)Kulminator di Anversa

3) BierCab di Barcellona

4) Mikkeller & Friends di Cophenaghen

5) Ma che sei venuto a fà di Roma

6) In de Verzekering tegen de Grote Dorst di  Eizeringen

7) The Porter Beer Bar di Atlanta (Usa)

8) Churchkey Washingthon (Usa)

9) Brick Store Pub Decatur (Usa)

10) The Birch Norfolk (Usa)

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grave perdita di gpl dal distributore di carburanti: pericolo esplosione

  • Rubano un'auto e si schiantano, un 14enne alla guida: denunciati due minorenni

  • Schianto in A4, grave un anziana: miracolati due bimbi di pochi mesi

  • Investita sulle strisce: 21enne in Rianimazione

  • Violento scontro auto-camion sulla Sp 26: muore una 52enne vicentina

  • Operaio trova l'amante nudo a letto, la moglie lo morde: denunciata per violenza domestica

Torna su
VicenzaToday è in caricamento