Bertesina, il campanile pendente dopo il terremoto

Come la torre di Pisa il campanile di Bertesina pende di qualche grado, ma non è un attrazione turistica. A pochi metri da una villa palladiana, rischio caduta calcinacci dopo il terremoto

La torre del campanile di Bertesina pende di qualche grado, potrebbe essere un fatto curioso, una piccola Pisa di provincia, ma in realtà è la fotografia di una situazione potenzialmente pericolosa.

Dopo l'ultimo terremoto le strutture della vecchia chiesa traballano,sono caduti alcuni calcinacci, fortunatamente senza travolgere nessuno ma l'intera struttura del campanile si è mossa, staccandosi dal corpo centrale della chiesa. 

All'interno del campanile non va meglio. Scale e e solai sono in legno e dopo 50 anni devono essere riparate o sostituite. Per Questo il parroco di Bertesina, dopo una prima stima dei lavori, ha inviato una lettera di richieste al comune di vicenza. Secondo la legge regionale 44, i comuni devono erogare fondi in aiuto agli edifici di culto, i 75 mila euro necessari per le riparazioni potrebbero venire da li, ma difficilmente  le casse comunali copriranno l'intera spesa, troppi i soldi richiesti per la manutenzione di una sola parrocchia, in arrivo 12 mila euro. 

I cittadini di Bertesina hanno seguito il vecchio adagio aiutati che il ciel t'aiuta facendo partire la campagna "Campanile senza frontiere" raccolta fondi che in poco tempo è gia riuscita a mettere da una parte 10 mila euro. Ancora troppo pochi per l'intera riparazione ma comunque un buon inizio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grave perdita di gpl dal distributore di carburanti: pericolo esplosione

  • Rubano un'auto e si schiantano, un 14enne alla guida: denunciati due minorenni

  • Schianto in A4, grave un anziana: miracolati due bimbi di pochi mesi

  • Operaio trova l'amante nudo a letto, la moglie lo morde: denunciata per violenza domestica

  • Schianto auto-moto sotto al cavalcavia: gravissimo centauro

  • Schianto fra tre auto e un furgone: quattro feriti

Torna su
VicenzaToday è in caricamento