Arzignano, colletta dei genitori per banchi e sedie

I fondi della scuola non sufficienti per comprare panche e sedie nuove e allora a mettere mano al portafoglio ci pensano i genitori. Parte l'autotassazione delle famiglie del liceo Da Vinci

Immagine d'archivio

L'aumento degli iscritti ha messo a dura prova le casse del liceo Da Vinci di Arzignano. Saranno tre le classi in più che partiranno dal prossimo anno scolatico per una spesa complessiva che si aggira attorno ai 12 mila euro, l'equivalente cioè di un centinaio di nuovi banchi e del resto del mobilio necessario. Soldi difficili da trovare per l'istituto a cui sono corse in aiuto alcune famiglie. 

In particolare il liceo ha beneficiato di due generose donazioni. La prima di 3.600 euro, serviti proprio a coprire parte delle spese per i banchi, e la seconda di circa 2.500 euro, l'equivalente cioè di una lavagna multimediale. 

I due contributi non sono l'unico aiuto che le famiglie offrono alla scuola. Negli scorsi anni, piccoli lavori di manutenzione e giardinaggio sono stati eseguiti proprio dei parenti degli studenti in modo gratuito, mentre ad ogni famiglia è richiesta una sottoscrizione di 100 euro per coprire le spese extra dell'istituto. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro, fatale caduta mentre sta operando su un macchinario: muore 59enne

  • Perde il controllo della moto e si schianta: muore 42enne

  • Ha un infarto all'inizio del cammino: morto escursionista

  • Moto fuori strada: morto un 38enne, ferita una 22enne

  • Coronavirus, altri nuovi casi: positive due sorelline di 3 e 6 anni

  • Malore improvviso: muore automobilista

Torna su
VicenzaToday è in caricamento