Bombe carta e maschere antigas: arrestati anarchici vicentini

Il fermo e il successivo arresto è avvenuto alle porte di Torino

Quattro anarchici che stavano venendo a Torino per partecipare alla manifestazione odierna sono stati arrestati dalla polizia al casello autostradale di Rondissone, sulla Torino-Milano, nel pomeriggio di ieri, venerdì 29 marzo 2019.

Si tratta di quattro veneti italiani, delle province di Vicenza e Padova, di 24, 25, 29 e 29 anni controllati dalla Digos. Nell’auto su cui viaggiavano sono stati trovati sette bombe carta; tre maschere antigas munite di filtro; cinque fumogeni, un coltello; guanti; passamontagna; collirio e riopan (utilizzati per alleviare gli effetti dei lacrimogeni). Devono rispondere di detenzione di materiale esplosivo.

Un quinto anarchico, 39enne italiano della provincia di Cremona, è stato denunciato dalla polizia ferroviaria alla stazione di Novi Ligure (Alessandria), dove era su un treno diretto a Torino. Aveva addosso una pinza multiuso con annessa una lama di cinque centimetri; un tirapugni in ferro; due caschi di colore nero, una maschera antigas con filtro; due ginocchiere; un passamontagna e altri indumenti tutti di colore nero.

Per tutti i cinque è stato adottato il provvedimento del foglio di via dal capoluogo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Previsioni meteo per la settimana, arriva l'inverno: temperature sotto zero

  • Camilla non ce l'ha fatta, dopo dieci giorni di agonia la 19enne è morta

  • Malore fatale sul posto di lavoro: giovane papà di due bambini perde la vita

  • Spiedo, grigliata che bontà: scopri dove mangiare le migliori del vicentino

  • Terribile schianto fra tre auto: due conducenti feriti

  • Tragedia lungo la A1, camionista muore schiacciato dal suo bisonte

Torna su
VicenzaToday è in caricamento