Perseguita la ex e le incendia l'auto: finisce ai domiciliari

Roberto Bernardi, 52 anni di Schio, è stato arrestato dai carabinieri con l'accusa di atti persecutori, molestie e danneggiamento a seguito di incendio, nonché di reiterate condotte vessatorie e di minaccia

Immagine di archivio

I militari della Stazione di Schio hanno applicato la misura degli arresti domiciliari a carico di Roberto Bernardi, cinquantaduenne residente a Schio, pregiudicato.

L'uomo, dopo una denuncia presentata nei giorni precedenti dalla vittima è stato indagato per atti persecutori, molestie e danneggiamento a seguito di incendio, nonché di reiterate condotte vessatorie e di minaccia nei confronti della donna, scaturite da una delusione sentimentale.

Stalking e fiamme

I comportamenti illeciti sono andati avanti per più di un mese, con messaggi a sfondo sessuale e ricattatorio inviati tramite whatsapp, e sono culminati nell’incendio dell’autovettura della vittima, gesto che ha spinto quest’ultima a rivolgersi ai Carabinieri in quanto preoccupata per la propria incolumità personale in considerazione dell’escalation dei reati. Successivamente a questi fatti, l’Ufficio del G.I.P. del Tribunale di Vicenza ha emesso un provvedimento di divieto di avvicinamento alla parte offesa, subito notificato dai Carabinieri al Bernardi, il quale però ha continuato ad inviare messaggi vessatori e minacciosi alla vittima.

L'arresto

A questo punto, formalizzate le nuove denunce e dimostrata la pericolosità del soggetto, grazie ad una costante sinergia tra la Stazione di Schio e la magistratura vicentina, si è riusciti ad ottenere in poco tempo un aggravamento della misura cautelare, ponendo il 52enne agli arresti domiciliari.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Tragedia sul lavoro: operaio trovato morto dal collega

  • Politica

    PFAS: «Il rapporto del Noe inchioda anche la Regione»

  • Incidenti stradali

    Schianto tra auto: tre feriti, uno gravissimo

  • Economia

    Crisi Diesel, l'addio dell'ad è un déjà vu: divergenze col patron

I più letti della settimana

  • Ora legale nel 2019: quando spostare le lancette

  • Crisi Diesel: l'amministratore delegato lascia l'incarico

  • Addio, amico Gianni

  • Si schianta contro un albero: pensionato gravissimo

  • Morto in moto in Algeria il papà del ministro Erika Stefani

  • Climate change in farsa valdagnese

Torna su
VicenzaToday è in caricamento