Arcugnano, coppia di anziani rapinati: catturati i responsabili

Ennesima rapina in villa in una zona isolata del Vicentino. Le vittime sono due anziani coniugi di Arcugnano che, alle 11.30 di martedì, sono stati aggrediti all'ingresso della loro casa di via Braganzola, ad Arcugnano

La zona dell'irruzione (foto CC)

Nella notte tra martedì e mercoledì, i carabinieri del NORM della Compagnia CC di Vicenza e della Stazione CC di Brendola, al termine di un articolato servizio, hanno fermato ad Altavilla Vicentina tra idividui perchè sospettati di essere i responsabili di una rapina avvenuta martedì mattina ai danni di due anziani. 

Si tratta di L.R., 26enne, nato e residente in provincia di Vicenza,  D.D., 19enne, nato in Colombia ma residente in provincia di Belluno, S.E., 20enne, nato in Nigeria, tutti nullafacenti e gravati di precedenti, in particolare l'ultimo, per rapina impropria (avvenuta in Arcugnano) nonché per la ricettazione di due autovettura provento dei delitti di furto in abitazione avvenuti in Valdagno il 19 agosto ed in Vicenza il 9 settembre 2016.

LA RAPINA Le indagini erano iniziate appena 18 ore prima, dopo la denuncia di una rapina che aveva avuto luogo in danno dei proprietari di una abitazione che era stata "visitata" dal terzetto. Erano circa le 11.30 quando le vittime, rincasando dopo la mattinata trascorsa al lavoro, notavano la presenza di una AUDI A3 colore nero parcheggiata vicino alla loro abitazione, semi-nascosta dalla vegetazione, e la porta dell’abitazione aperta dalla quale, avvicinandosi, notavano uscire nell’ordine prima un soggetto, di sesso maschile e di colore. L’uomo veniva inseguito dalla vittima ma lo sconosciuto, per guadagnarsi ed assicurarsi la fuga spingeva con violenza il padrone di casa,  raggiungendo velocemente la vettura. Subito dopo un secondo uomo di colore che teneva in mano una borsa con all’interno due pc di proprietà del figlio della coppia che non esitava, per scongiurare la reazione della moglie, a colpirla prima con la borsa e poi spingerla con forza facendola rovinare a terra (dopo qualche istante uscirà anche un terzo soggetto, di carnagione chiara, che si dava alla fuga, a bordo dell’AUDI, mettendosene alla guida). I tre malviventi riusciranno ad asportare danaro per un valore di circa 5/700 euro nonché, dalla contermine abitazione del figlio delle vittime, anche due televisori ed uno stereo.

LE INDAGINI Ben presto emerege che un’auto “sospetta” era già stata segnalata nei giorni precedenti nell’area e nei pressi di un casolare abbandonato in Altavilla Vicentina. Incrociando via via altre informazioni (tra le quali importanza non trascurabile hanno avuto anche del tutto casuali segnalazioni di cittadini pervenute nei giorni scorsi nonché match positivi dei sistemi di video sorveglianza di alcuni Comandi di polizia locale (nel caso in specie in particolare quello di Longare), si predisponeva un servizio di osservazione e controllo di un caseggiato abbandonato in via Madurello di Altavilla Vicentina.

L'ARRESTO La sorveglianza consentiva di arrivare ad identificare i tre fermati nei cui confronti sono stati raccolti, al termine anche delle  perquisizioni personali, del luogo del domicilio nonché delle due autovetture in loro possesso ed uso (entrambe frutto di furti in abitazione) di raccogliere significativi elementi di reità in ordine alla rapina impropria avvenuta, come detto ieri mattina ad Arcugnano. I tre, oltre a vari oggetti di cui si sospetta la provenienza illecita (alcuni capi di abbigliamento, alcuni cellulari ed orologi, alcuni oggetti in oro e argento, la somma contante di circa 500 euro) o altrimenti utilizzabili per protrarre le loro attività criminali (arnesi atti allo scasso come un piede di porco), detenevano anche stupefacente destinato presumibilmente e prevalentemente al consumo personale (gr.4 di hashish, 4 di eroina, 2 di cocaina) Al termine delle formalità di rito i tre giovani sono stati accompagnati, per la detenzione, presso la struttura penitenziaria di questo capoluogo a disposizione del Magistrato della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Vicenza di turno, Severi. La vittima che ha cercato di impedire la fuga dei malviventi non ne avrà fortunatamente per molto. Visitata presso il pronto soccorso le è stata diagnosticata una prognosi di 10 giorni salvo complicazioni.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grave perdita di gpl dal distributore di carburanti: pericolo esplosione

  • Rubano un'auto e si schiantano, un 14enne alla guida: denunciati due minorenni

  • Schianto in A4, grave un anziana: miracolati due bimbi di pochi mesi

  • Operaio trova l'amante nudo a letto, la moglie lo morde: denunciata per violenza domestica

  • Schianto auto-moto sotto al cavalcavia: gravissimo centauro

  • Schianto fra tre auto e un furgone: quattro feriti

Torna su
VicenzaToday è in caricamento